Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Amministrazione Clinton e il terrorismo di matrice islamica

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Roberto Canton Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 282 click dal 17/01/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Roberto Canton

Mostra/Nascondi contenuto.
e un oppressore, un saccheggiato e un saccheggiatore” 20 . Fin dal 1942 Khomeini aveva affermato che “L’Islam non è una religione di pacifisti” 21 , mostrando nuove linee di pensiero e di azione, in continuità con il pensiero emerso con i Fratelli Musulmani 22 . L’Islam venne concepito come una religione rivoluzionaria, in contrasto all’Islam passivo in voga all’epoca, e nel tempo questa concezione avrebbe dato vita alla rivoluzione iraniana, donando un nuovo impeto alla crescita islamico-integralista. Le idee propagandate dalla rivoluzione iraniana fecero presa in particolare sui gruppi islamici sciti; molti di questi gruppi islamici erano in realtà indipendenti dal controllo iraniano, ma le loro idee risultarono comunque parallele al pensiero di Khomeini. Si può dire che con il sequestro del personale dell’ambasciata americana in Teheran nacque il fondamentalismo islamico come nuova forza ideologico-militante, anche se l’appartenenza di Khomeini al gruppo sciita limitò la diretta e immediata influenza sui gruppi sunniti 23 . Analogamente al momento in cui la Rivoluzione russa plasmò le sinistre per decenni, la rivoluzione iraniana impresse sui movimenti islamici medio-orientali un effetto del tutto simile. Nell’agosto 1979, presso una scuola teologica iraniana e nel settembre dello stesso anno, Khomeini pronunciò i celebri discorsi sulla natura dello Stato Islamico, creando una sorta di leninismo per il movimento islamista: si teorizzò una lotta mondiale con l’Islam avverso al materialismo corrotto e all’Occidente in generale 24 . L’emergere di questi nuovi fenomeni terroristici impose agli Stati Uniti una rivisitazione degli schemi adottati: il punto chiave era che il terrorismo veniva interpretato come un fenomeno sponsorizzato dallo Stato, ma la definizione non è semplice. Con il tempo le cose vennero elaborate in forma ancora più complessa e vennero create liste per dividere gli stati in base al tipo di legame con le associazioni terroristiche, con la previsione di sanzioni diversificate. In ogni caso, quando si parlava di terrorismo, il soggetto da contrastare era innanzi tutto lo 20 Ivi, p. 99 e Id., I volti della potenza, p. 152. 21 Il testo è del discorso è pubblicato sul testo di R.Rubin, op.cit., p. 29 22 I Fratelli Musulmani sono la prima organizzazione a ricercare il moderno approccio politico all’Islam, in opposizione alla secolarizzazione e al nazionalismo arabo. Venne fondata nel 1928 da al-Aasan al-Banna, condannato a morte in Egitto Passim 23 Ivi, pp. 7-8 24 Ivi, p. 9 11
Estratto dalla tesi: L'Amministrazione Clinton e il terrorismo di matrice islamica