Skip to content

''Concordia'': un naufragio mediatico

Estratto della Tesi di Luca Mereu

Mostra/Nascondi contenuto.
4 fregati altamente di pensare prima a salvare anziani, bambini e disabili e sono corsi per primi alle scialuppe […] Ma dov’era il comandante? […] Forse a bordo non c’è mai stato […] Quella nave era una babele di lingue, gli addetti al personale non si capivano manco tra loro, uno di noi addirittura s’è messo a guidare una scialuppa perché il marinaio incaricato non era capace di farla partire» 4 . Poi, le storie: il pompiere in vacanza porta il disabile in salvo, la crociera con la fidanzata pagata con i risparmi, la mamma che ha trovato i figli soli al miniclub, il pianista e il mago del teatro arrivati a riva nuotando, infine il massaggiatore di bordo salvato dopo ore aggrappato ad uno scoglio. E la testimonianza della nottata dal punto di vista dei gigliesi, che si sono dati da fare per tamponare l’emergenza umana 5 . Quindi le prime ricostruzioni sulla condotta del comandante. «(L’inchino, nda) Succede spesso, è quasi una tradizione dai tempi di Mario Palombo, storico comandante della Concordia, gigliese di nascita che conosceva quei fondali come le sue tasche, sapendo bene dove si celavano le insidie […] il comandante Francesco Schettino ha capito di aver commesso un errore pazzesco, imperdonabile, e cerca un rimedio, una salvezza, con quella svolta a 180 gradi. Vuole portare la Costa Concordia in rada, ha capito che la nave sta affondando e se lo fa in mare aperto, sotto a un abisso profondo 70 metri, diventa una tomba per tutti. In pochi minuti mette insieme l’errore che lo segnerà per una vita e la manovra che salva centinaia di vite. Getta le due ancore che fanno perno consentendo allo scafo di invertire la rotta e di adagiarsi sulla scogliera. L’ordine di abbandonare la nave arriva solo allora, dopo che la nave si è finalmente fermata, cominciando a inclinarsi. Sulla plancia della nave si assistono a scene che fanno pensare a film celebri e tragici. Prima le donne e i bambini, urlano i marinai in inglese, ma questo non è il cinema, è una lotta per vivere o morire […] l’evacuazione è puro delirio […] Francis Servelle, Jean Pierre Michaud precipitano da uno dei punti più alti, il marinaio Alberto Costilla Mendoza scivola in mare mentre cerca di aiutare un gruppo di passeggeri a salire sulle scialuppe. Sono loro le prime tre vittime, muoiono annegati e assiderati […] Gli abitanti dell’isola formano catene umane, portano panni caldi, bevande, medicine […] Ma il mistero più grande è quello di un uomo, di Francesco Schettino, il comandante. Quando lo incontriamo alla reception dell’hotel Bahamas, al Giglio, consulta una carta nautica e impreca […] La magistratura lo arresta in serata, troppe contraddizioni nelle sue parole, appena accennata l’ammissione di 4 F. Caccia, S’inclinava sempre di più e nel buio eravamo soli, Corriere della Sera, 15 gennaio 2012, p. 1 5 G. Buccini, Il prete, il guardacoste, la barista, gli angeli a mani nude del Giglio, Corriere della Sera, 15 gennaio 2012, p. 1
Estratto dalla tesi: ''Concordia'': un naufragio mediatico

Estratto dalla tesi:

''Concordia'': un naufragio mediatico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Mereu
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Informazione e editoria (giornalismo)
  Relatore: Marco Aime
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 217

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

media
stampa
informazione
giornali
stereotipi
metafore
costa concordia
schettino
naufragio
isola del giglio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi