Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La coltivazione della canapa in Italia problematiche e prospettive

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Cavallaro Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1435 click dal 02/02/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giuseppe Cavallaro

Mostra/Nascondi contenuto.
fogliare che di conseguenza al momento del riempimento del seme a causa della carenza di processo di fotosintesi. La semina della canapa pu o essere fatta con una normale seminatrice da grano ponendo il seme a una profon- dit a di 2 cm. Se il terreno fosse troppo secco, dopo la semina e opportuna una leggera rollatura in modo da favorire la conservazione di acqua nel suolo. Si consiglia un’interla di 13-20 cm per favorire la chiusura dell’interla il prima possibile e contrastare lo sviluppo delle infestanti. Il quantitativo di seme consigliato e di 35-40 kg/ha, quantitativi inferiori potrebbero compro- mettere la rapida copertura del terreno e conseguente sviluppo di infestanti. Le capacit a rinettanti della canapa, ossia di competizione con le infestanti, sono note praticamente da sempre. Il suo rapido sviluppo le consente di entrare quasi da subito in competizione sia di luce che di acqua con le infes- tanti che generalmente vengono sopraatte. E’ di fondamentale importanza la preparazione di un buon letto di semina privo di infestanti che consenta una rapida ed omogenea germinazione. Si e gi a detto altres della falsa semina cio e una lavorazione e un irrigazione del terreno al solo scopo di estirpare le infes- tanti. L’irrigazione della canapa normalmente non e necessaria; ma annate particolarmente siccitose impediscono il riempimento del seme compromet- tendo la produzione. In questo caso potrebbero essere necessari interventi di emergenza in pre-oritura per far sviluppare un buon apparato fogliare e in post oritura, per favorire il riempimento del seme, altrimenti si rischia di raccogliere solo seme vuoto. La maturazione del seme di canapa e scalare e trovare l’epoca di raccolta ideale non e semplice. Generalmente la matu- razione del seme si fa procedere no a quando i semi cominciano a cadere a terra, ossia quando la percentuale di semi maturi dovrebbe essere intorno al 70%. Un ritardo eccessivo della raccolta potrebbe comportare un sensibile calo di resa dovuto sia alla caduta dei semi che alla presenza di uccelli. E’ altres consigliabile procedere alla raccolta quando lo stelo e ancora verde poich e le piante secche potrebbero andare ad arrotolarsi intorno agli organi rotativi della trebbiatrice intasandoli e causando il cos detto \eetto corda". Per la raccolta del seme si possono usare normali macchine trebbiatrici quali Laverda, CASE International, New Holland, CLASS, John Deer. Sarebbero da preferire le macchine che presentano il battitore assiale quali CASE e le nuove John Deer. Occorre in ogni caso ridurre la velocit a di avanzamento, dell’aspo e dei battitori. Sono preferibili trebbiatrici con lo scquotipaglia e senza trinciapaglia che rischia d’intasarsi di bra. E’ fondamentale che le lame siano ben alate per evitare che la bra presente negli steli vada fra la lama ed il battilama. Nella tabella 1 alcuni suggerimenti per impostare una trebbiatrice non assiale. Il seme dev’essere messo ad asciugare entro 4 ore dalla raccolta possibilmente 11
Estratto dalla tesi: La coltivazione della canapa in Italia problematiche e prospettive