Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Neuroscienze e pedagogia sperimentale. Ipotesi di fattibilità

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Emilia Daria Clerici Contatta »

Composta da 348 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 848 click dal 07/04/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Emilia Daria Clerici

Mostra/Nascondi contenuto.
La percezione della scena visiva ha sede in primis sulla retina, che conta 10 strati sovrapposti, tra i quali lo strato dei fotorecettori, quello delle cellule bipolari, quello delle cellule gangliari. I fotorecettori si suddividono in coni (sensibili ai colori e alla forma e maggiormente numerosi nella fovea) e bastoncelli (responsabili della percezione in bianco e nero). La fovea è una fossa al centro della macula lutea, di colorito diverso, al centro della zona retinica: se da essa facciamo partire una linea perpendicolare immaginaria che oltrepassa il centro del cristallino, andiamo a generare l’asse visivo. Ciò che si trova medialmente ad esso appartiene alla retina nasale, mentre ciò che si trova lateralmente appartiene a quella temporale. Altri due tipi di cellule concorrono all’analisi dell’immagine: le cellule orizzontali (modulano le sinapsi tra fotorecettori e cellule bipolari) e quelle amacrine (modulano le sinapsi tra cellule bipolari e gangliari). Gli assoni delle cellule gangliari formano la papilla, cioè la parte iniziale del nervo ottico. Per quel che concerne l’orecchio, esso ha 3 funzioni percettive diverse: - trasforma le onde sonore in stimoli nervosi uditivi - informa il cervello sulla posizione del corpo nello spazio - informa il cervello e il cervelletto sulle variazioni di velocità cui va incontro il corpo Quasi tutte le strutture che formano l’orecchio sono contenute nell’osso temporale. L’orecchio si può dividere funzionalmente in 3 parti: - orecchio esterno: comprende padiglione auricolare e condotto uditivo esterno, raccoglie e convoglia le onde sonore verso il timpano - orecchio medio: comprende timpano, martello, incudine, staffa e tromba di Eustachio, apparato mastoideo - orecchio interno: è sede del labirinto osseo (chiocciola, sede dell’organo del Corti, ripiena di endolinfa e acquedotto della chiocciola, vestibolo, canali semicircolari, sede dei recettori stato cinetici e acquedotto del vestibolo) e di quello membranoso, e di uno spazio riempito dalla perilinfa Il vero organo neurosensoriale uditivo è l’organo del Corti, percorso dal tunnel del Corti e diviso in una parte interna, con 3500 cellule ciliate disposte su un’unica fila, e una parte esterna con 15000 cellule ciliate disposte su tre file. Le vibrazioni trasmesse dalla catena degli ossicini alla perilinfa e 11
Estratto dalla tesi: Neuroscienze e pedagogia sperimentale. Ipotesi di fattibilità