Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'educatore e l'agricoltura sociale. Pratiche, relazioni e prospettive

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Elisa Nardin Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 447 click dal 09/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Elisa Nardin

Mostra/Nascondi contenuto.
8 costruite comunità di pratiche fondate sulla condivisione di valori ed obiettivi. Questo a dimostrazione della reale possibilità in essere dell’A.S. di creare modelli innovativi di welfare 12 . Una norma a livello nazionale, della quale la Regione Veneto è stato precursore con Legge Regionale n. 14 del 2013, è data dalla Legge 141 del 18 agosto 2015, Disposizioni in materia di agricoltura sociale (entrata in vigore il 23 settembre 2015), la quale offre un tentativo per regolarizzare le pratiche di A.S. su una base unificante ma non omologante, nello sforzo di dare delle modalità di riconoscimento e accreditamento, in pieno rispetto del rapporto che esse hanno con i fabbisogni sociali e del territorio, a livello locale. La presente legge tenta di non limitare queste pratiche all’interno di norme troppo rigide, motivo per il quale è definita una legge dal carattere “soft”, poiché non va a ledere le prerogative delle Regioni, in materia di agricoltura e politiche sociali, nel rispetto del Titolo V della Costituzione 13 . La normativa nazionale definisce l’A.S. come un aspetto della multifunzionalità delle imprese agricole finalizzato allo sviluppo di interventi e di servizi sociali, socio-sanitari, educativi e di inserimento socio-lavorativo, allo scopo di facilitare l'accesso adeguato e uniforme alle prestazioni essenziali da garantire alle persone, alle famiglie e alle comunità locali in tutto il territorio nazionale e in particolare nelle zone rurali o svantaggiate 14 . Ove per multifunzionalità si intende evidenziare la capacità caratteristica dei processi agricoli di dar forma a diverse tipologie di beni e servizi contemporaneamente. Tale legge è anticipata dalla Legge Regionale 14/ 2013 del Veneto, la quale ha messo le basi per creare un ambiente normativo atto a favorire il fermento di un’economia solidale 12 Alfonso PASCALE, L’agricoltura sociale genera comunità, in «http://www.alfonsopascale.it/index.php/lagricoltura-sociale-genera-comunita/» (Consultato il 04.06.16) 13 http://www.forumagricolturasociale.it/banners-view/normativa-as/ (Consultato il 28.04.16) 14 Legge 18 agosto 2015, n.141, Disposizioni in materia di agricoltura sociale, art.1 in « http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/09/8/15G00155/sg» (Consultato il 28.04.16)
Estratto dalla tesi: L'educatore e l'agricoltura sociale. Pratiche, relazioni e prospettive