Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bullismo e Cyberbullismo: una lettura criminologica

Tesi di Master

Autore: Paola Biffi Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1905 click dal 15/03/2017.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Paola Biffi

Mostra/Nascondi contenuto.
18 Il bullismo si può manifestare attraverso queste modalità (Bradshaw et. Al. 27 , 2014; Gini, Caravita, 2010) 28 : - Bullismo diretto verbale: le azioni offensive avvengono attraverso l’uso delle parole, ad esempio le minacce, i rimproveri e le ingiurie. - Bullismo diretto fisico: in questo caso c’è un contatto fisico tra i due protagonisti; spingere, morsicare, tirare calci e pugni, ma anche appropriarsi o danneggiare gli oggetti degli altri è considerato tale. - Bullismo indiretto: questa è la modalità più subdola e latente in quanto è difficile da rilevare; consiste nell’isolare al vittima che viene esclusa dal gruppo in base alla diffusione di calunnie, in questo caso è bene tener conto degli effetti che le parole possono avere sula vittima. Purtroppo a volte la valenza delle parole negative viene sottostimata, ma è bene tener conto che possono essere vissute soggettivamente dalla vittima come umilianti e dispregiative. - Bullismo hi-tech: messo in atto con il supporto di internet, attraverso e-mail, whatsapp, chat, video (you tube), blog, social network (facebook, twitter, instagram, my space), tramite cellulari, attraverso sms o mms, con contenuti offensivi e non rispettosi della riservatezza della persona. (cyberbullismo) Per una maggiore comprensione di questo fenomeno è utile anche sottolineare quello che il bullismo non è: - NON è bullismo un singolo episodio di angheria tra studenti. - NON è bullismo quando due compagni aventi la stessa forza fisica e psicologica litigano o discutono, deve sempre esserci asimmetria. - NON è bullismo se due ragazzi si prendono in giro vicendevolmente. 27 BRADSHAW C., WAASDORP T.E., JOHNSON S.L. (2014) Overlapping verbal, relational, phisycal, and electronic form of bullying in adolescence: influence of school context. Journal of clinical child and adolescent psychology. 28 GINI G., CARAVITA S., (2010) L’(im)moralità del bullismo. Ed. Unicopli, Milano
Estratto dalla tesi: Bullismo e Cyberbullismo: una lettura criminologica