Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia di due spade: Stato e Chiesa nei secoli

Tesi di Master

Autore: Marco Martini Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 394 click dal 15/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Marco Martini

Mostra/Nascondi contenuto.
15 alla croce (l’albero raffigura quindi la croce cristiana), o lasciando risuonare la parola (ovvero meditando sulla parola). Come sulla nave ci sono due timonieri, uno di poppa ed uno di prua,, così nella Chiesa a poppa troviamo Cristo, il fondamento, a prua i vescovi, che guidano, di volta in volta, nel tempo storico, la nave, cioè la Chiesa. La fune che lega le vele è l’amore di Cristo, cioè l’Agape, che non è l’eros dei greci, ebbro e indisciplinato. In Ambrogio incontriamo invece un’immagine della Chiesa tratta dal mondo naturale: la Chiesa è la luna, che non ha luce propria, ma gode di luce riflessa, riceve la luce da Cristo, e come la luna interferisce sul mondo, così la Chiesa è chiamata ad intervenire nel mondo. Erma è uno dei Padri apostolici di lingua latina, vissuto intorno al 60: rappresenta la Chiesa come una torre, la cui realizzazione è presieduta dagli angeli, e le pietre, prima di essere inserite nella costruzione, sono bagnate nelle acque (allusione all’acqua del battesimo). Alcune pietre sono tolte e poste vicino alla torre per ricevere quella manutenzione necessaria per tornare ad avere compattezza e solidità: l’allusione di Erma è qui alla temporanea estromissione dalla comunità in caso di colpe particolarmente gravi. Alcune pietre, che hanno forma sferica, vengono infatti squadrate e solo dopo aver perso la forma originaria, che era eccedente e non adattabile, sono usate per la costruzione. La costruzione della torre è continua e si perfeziona nel tempo: è la costruzione della Chiesa nella storia. Come si è visto, con gli sviluppi della Patristica, la storia della Chiesa trova indubbi punti di appoggio nell’ecclesiologia. I.4. La formazione della gerarchia ecclesiastica: nozioni di diritto canonico. Già nella I Lettera di Clemente Romano ai Corinti del 96, che può essere considerata il primo documento del diritto canonico 21 , si afferma una concezione ‘organica’ della Chiesa, come una comunità di elementi diversi animati da un solo spirito ed in cui a ciascun membro è assegnato un posto particolare ed una specifica funzione, sull’esempio della gerarchia levitica dell’Antico Testamento o della disciplina dell’esercito romano 22 . L’organizzazione delle chiese della seconda e terza generazione cristiana presenta una notevole varietà di forme e di modelli di ministeri, dovuti all’impronta del loro fondatore ed alle radici culturali delle singole comunità. Si deve innanzitutto dire che nel Nuovo Testamento le designazioni degli uffici non sono ancora strettamente definite. Gli Atti degli Apostoli parlano per Gerusalemme dei “Dodici” e dei “Sette”, più tardi di Giacomo e degli 21 C. Fantappié, Introduzione storica al diritto canonico, Il Mulino, Bologna, 1999, pp. 27/31. 22 J. Comby, Per leggere…, cit., tomo I, pp. 47-50.
Estratto dalla tesi: Storia di due spade: Stato e Chiesa nei secoli