Skip to content

La divulgazione artistica in tv tra accademismo e spettacolarità. Indagine ed analisi di Io e... un programma di Anna Zanoli e Luciano Emmer

Estratto della Tesi di Benedetta Fiorani

Mostra/Nascondi contenuto.
6 dell’esperto nel tradurre in parole le sue sensazioni, nella speranza che queste andassero ad incuriosire l’ascoltatore, lo esortassero e invogliassero ad entrare direttamente in contatto con quell’opera che tanto lo aveva intrigato. Interno giorno rappresenta in questo senso uno dei tentativi meglio riusciti di programmazione radiofonica sull’arte: la protagonista era un’affermata storica dell’arte e regista, Anna Zanoli, che ogni giorno, per venti minuti, accompagnava gli ascoltatori della trasmissione in questo viaggio immaginario alla scoperta di gallerie e piccoli borghi italiani. Con il solo strumento verbale, la Zanoli, era in grado di trasportare figurativamente il pubblico in magiche esperienze sensoriali volte ad avvicinare il popolo italiano alle meraviglie del suo Paese. «Non vedere» infatti «permette di perdersi nei meandri del racconto, nelle pieghe dei particolari di un quadro, nel ricordo e nell’esperienza emozionale del visitatore». 7 Da queste prime considerazioni è dunque possibile notare come in realtà la televisione non sia un organismo unico nel suo genere, frutto del caso e padre di tutte le moderne tecnologie e pratiche in campo divulgativo: esso ha sì, portato ingenti cambiamenti nelle modalità di informazione, divulgazione ed intrattenimento, ma i suoi debiti nei riguardi dei mezzi di comunicazione di più antica origine, sono più considerevoli di quanto si pensi. Studi sulla televisione in grado di fornirne un quadro complessivo e autonomo, purtroppo ancora oggi non sono così soddisfacenti. Abbiamo già visto come in realtà analisi più o meno precise sul piccolo schermo vennero intraprese a partire dalla sua origine, negli anni Cinquanta; ma anche che tali primi approcci al medium televisivo erano guidati da una visione frammentaria del mezzo, indagato esclusivamente nelle sue distinte componenti (tecnologica, sociologica, culturale, politica), e senza mai superarne, dunque, i confini dottrinali. A partire degli anni Settanta del secolo scorso, le modalità di studio del mezzo presero però una nuova direzione, e si andarono a definire in modo deciso le due principali tipologie di approccio alla televisione ad opera degli studiosi, che contraddistinguono ancora oggi la critica moderna: “quello della ricerca empirica, di derivazione sociologica, e quello critico-testualista, di derivazione umanistico-letteraria” 8 . In altre parole, il primo campo di ricerca si occupava del cosiddetto contesto 9 , ossia delle questioni relative agli effetti della comunicazione di massa e al significativo ruolo del piccolo schermo nel processo di formazione dell’opinione pubblica; mentre l’approccio critico- 7 L. Bolla, F. Cardini, Le avventure dell'arte in tv, VQPT/NUOVA ERI, Torino 1994, pag. 98 8 A. Grasso, M. Scaglioni, Che cos'è la televisione, Garzanti, Milano 2003, pag. 11 9 Ibidem
Estratto dalla tesi: La divulgazione artistica in tv tra accademismo e spettacolarità. Indagine ed analisi di Io e... un programma di Anna Zanoli e Luciano Emmer

Estratto dalla tesi:

La divulgazione artistica in tv tra accademismo e spettacolarità. Indagine ed analisi di Io e... un programma di Anna Zanoli e Luciano Emmer

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Benedetta Fiorani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Lettere
  Relatore: Alberto Cottino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
arte
televisione
divulgazione
aldo grasso
documentari
roberto longhi
luciano emmer
anna zanoli
radiocorriere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi