Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Percezione dell’immagine corporea e sport in relazione ai fattori di rischio per lo sviluppo dei Disturbi del Comportamento Alimentare

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Agraria

Autore: Andrea Vanini Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1017 click dal 10/05/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea Vanini

Mostra/Nascondi contenuto.
Immagine corporea, sport e DCA • bulimia nervosa (BN) • disturbo da binge-eating (BED ) i L’obesità non è inclusa nel DSM-5 come disturbo mentale. Viene definita come “risultato di un introito di calorie continuato nel tempo ed eccessivo rispetto al consumo individuale. Una serie di fattori genetici, fisiologici, comportamentali ed ambientali contribuisce allo sviluppo dell’obesità…” che quindi, come detto, non viene considerata un disturbo mentale anche se esistono forti associazioni tra questa e alcuni disturbi mentali (es. BED). Gli ultimi tre, anoressia, bulimia e BED, sono i più conosciuti e studiati, con anoressia e bulimia che rivestono un ruolo principale in questo elaborato. Nei prossimi capitoli verranno descritti singolarmente. Considerando l’esordio in età giovanile sono molto importanti i programmi scolastici di prevenzione (8). Molto interessante ed attuale il progetto di ii prevenzione nazionale sui DCA proposto nel 2007 dal dott. Massimo Cuzzolaro, creatore del test BUT che verrà usato e spiegato in questo iii studio. 
 Questo progetto propone di migliorare la capacità di identificazione tempestiva dei casi clinici e sottosoglia di disturbi dell’alimentazione e del peso corporeo in adolescenza attraverso la somministrazione di questionari autosomministrati e di interviste diagnostiche semistrutturate. Programmi scolastici di prima generazione con approccio psico-educativo che fornivano informazioni su nutrizione, immagine corporea, disturbi dell’alimentazione e loro effetti dannosi. Programmi di seconda generazione che affrontavano più direttamente alcuni fattori di rischio. Programmi di terza generazione che con approccio educativo interattivo ed esperenziale utilizza strategie volte a modificare gli atteggiamenti disfunzionali ed i comportamenti non salutari. Binge Eating Disorder i tratti dalle lezioni del prof. Massimiliano Caprio - corso “DCA e controllo ormonale” ii Università Telematica San Raffaele Body Uneasiness Test iii 15
Estratto dalla tesi: Percezione dell’immagine corporea e sport in relazione ai fattori di rischio per lo sviluppo dei Disturbi del Comportamento Alimentare