Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La traviata: ''Un sogeto dell'epoca''. Quattro regie recenti de La traviata di Giuseppe Verdi

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Flavia Forestieri Contatta »

Composta da 261 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 168 click dal 07/04/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Flavia Forestieri

Mostra/Nascondi contenuto.
38 Con altrettanta precisione in un altro saggio, Musica e regia: l’interpretazione scenica della partitura teatrale, il musicologo si pone come obiettivo di definire i limiti della messa in scena, da mantenere per poter rimanere fedele all’opera, ma applicando soluzioni moderne. Il testo fondamentale che va sempre preso in considerazione è quello musicale, la musica infatti è quella che definisce i personaggi e le simbologie, che vanno necessariamente riportati in scena. 40 Lo stesso vale per alcuni particolari oggetti e per l’ambientazione, in quanto, anche se sostituiti, va mantenuta la loro funzione originaria in ogni caso: Violetta può specchiarsi anche se non possiede uno specchio, ma il gesto deve rimanere presente. Lo stesso si può dire della scenografia, in quanto la partitura dà indicazioni specifiche su luci, colori e contrasti ma senza “riprodurre esattamente le didascalie, ma di coglierne, ancora una volta, l’essenza. […] l’ambiente non è un personaggio che agisce, ma l’eco visiva del gusto, dell’atmosfera espressiva e della vita interiore dei personaggi”. 41 Un’opinione più netta ci viene riferita da altri due grandi musicologi, Emilio Sala e Paolo Fabbri. Il primo nel saggio Dalla mise en scène ottocentesca alla regia moderna, dopo aver fatto un excursus storico sugli sviluppi della regia, conclude con 40 A proposito del Trovatore scrive: “Il fuoco però ci deve essere: sarà magari un rogo di pneumatici usati, invece che di fascine, ma non può mancare. La fiamma è l’immagine concreta di un’ossessione interiore, di un fatto passato, ma anche la sintesi dei due principi fondamentali che animano l’opera: fissità e mobilità”. Gallarati, Musica e regia, p. 99. 41 Gallarati, Musica e regia, p. 104.
Estratto dalla tesi: La traviata: ''Un sogeto dell'epoca''. Quattro regie recenti de La traviata di Giuseppe Verdi