Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tradurre Helen Garner - Proposta di traduzione di dieci racconti tratti da True Stories: Selected Non-Fiction

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Interpretariato e Traduzione

Autore: Luca Ercolani Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 515 click dal 14/04/2017.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luca Ercolani

Mostra/Nascondi contenuto.
9 1. Autrice, contesto storico-letterario e opere 1.1 Cenni biografici, attività letteraria e riconoscimenti. Helen Garner nasce a Geelong, Victoria il 7 Novembre 1942, primogenita di quattro sorelle e un fratello. Terminati gli studi superiori si iscrive alla Università di Melbourne, dove consegue un Bachelor of Arts scegliendo inglese e francese come major. Intraprende una carriera da insegnamente in vari istituti di istruzione secondaria (1966 - 1972), esperienza terminata a seguito della pubblicazione di un articolo anonimo 1 sulla rivista Digger (incluso nella raccolta e tradotto per la presente tesi) nella quale l'autrice racconta di una lezione di educazione sessuale non autorizzata presso la Fitzroy High School. Durante lo stesso periodo sposa Bill Garner, con il quale ha una figlia, Alice Garner. Il matrimonio ha termine nel 1971 e da allora si è sposata altre due volte, rispettivamente con Jean-Jacques Portail e con lo scrittore australiano Murray Bail. Ad oggi non è sposata. Ha continuato a lavorare come articolista freelance per diversi giornali e riviste australiane, scritto racconti, (Honour & Other People's Children, 1980; Postcards from Surfers, 1985; My Hard Heart: Selected Fictions, 1998), romanzi (Monkey Grip, 1977; The Children's Bach, 1980; Cosmo Cosmolino, 1992; The Spare Room, 2008), sceneggiature (Monkey Grip, 1982; Two Friends, 1986; The Last Days of Chez Nous, 1990) e opere non narrative (The First Stone, 1995; True Stories, 1996; The Feel of Steel, 2001; Joe Cinque's Consolation, 2004; This House of Grief - The Story of a Murder Trial, 2014; Everywhere I Look, 2016). Il suo primo romanzo, Monkey Grip (1977), riceve il National Book Council Award, il primo di una serie di riconoscimenti che si espande fino alla data odierna. Tra essi il South Australian Premier's Awards nel 1986 per The Children's Bach, due New South Wales Premier's Literary Awards (1986 e 1987, rispettivamente il Christina Stead Prize for Fiction per Postcards from Surfers e il Television Writing Award per Two Friends), il Walkley Award per Best Feature Writing per l'articolo 1 La stessa Garner spiega nel postscript di "Why Does the Women Get All the Pain?" (1996:41) di essere stata "pateticamente facile da rintracciare" (traduzione mia) nonostante l'anonimità dell'articolo.
Estratto dalla tesi: Tradurre Helen Garner - Proposta di traduzione di dieci racconti tratti da True Stories: Selected Non-Fiction