Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Low Cost nel trasporto aereo: strategie e creazione di valore. Successi e Insuccessi

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Miglio Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 719 click dal 14/04/2017.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Daniela Miglio

Mostra/Nascondi contenuto.
12 I traffico aereo, ma allo stesso tempo risulta essere molto sensibile alla recessione. L’aumento della domanda di servizi passeggeri e merci, il progresso tecnologico e i forti investimenti in questo settore hanno determinato un rapido sviluppo del traffico aereo. Questa tendenza è destinata a continuare nei prossimi anni, vi contribuiranno l’aumento dei redditi individuali, la crescente urbanizzazione della popolazione, l’innalzamento del livello di istruzione, il cambiamento dello stile di vita e le crescenti preferenze date ai viaggi come attività del tempo libero. Sicuramente si tratta di un settore fortemente innovativo e per le aziende operanti in questo campo è necessario effettuare ingenti investimenti al fine di rimanere al passo dei concorrenti ed essere in equilibrio nel lungo periodo. Si possono individuare almeno tre cicli di rinnovo delle flotte: 1. Entrata in commercio dei primi jet 2. Introduzione di versioni più allungate 3. Con l’aumento dei prezzi del petrolio vengono introdotte versioni più leggere che consumano meno carburante. I progressi hanno contribuito all’aumento della capacità nel trasporto di passeggeri e della velocità. Tutti questi progressi, però, hanno fatto notevolmente aumentare il fabbisogno di capitale. Tra le soluzioni adottate nel tempo dalle compagnie per affrontare questi ingenti costi si ricordano le alleanze e partnerships per cercare di ottimizzare l’offerta. Oltre agli ingenti costi tecnologici, esistono poi quelli legati al personale che rappresentano un peso rilevante. Un tempo il principio base era quello di far viaggiare il velivolo il più possibile, oggi invece non è sufficiente, in quanto un sedile vuoto significa un ricavo perso a fronte di un costo marginale nullo. Perciò per evitare questo rischio è nata la pratica dell’overbooking ovvero accettando posti superiori a quelli disponibili, con l’inconveniente che a volte alcuni passeggeri non vengono imbarcati. Negli ultimi anni questo settore si è evoluto, con l’affermazione dei vettori low cost, questa filosofia è stata adottata inizialmente negli anni 70 negli USA con la compagnia Southwest Airlines e poi negli anni 90 questo fenomeno è diventato una abitudine. Il settore del trasporto aereo è quello forse che è cambiato radicalmente con la liberalizzazione del mercato, avvenuta in Europa tra gli anni ottanta e novanta. Dopo la seconda guerra mondiale si sviluppa prevalentemente negli Stati Uniti e poi lentamente negli altri paesi europei alla base di accordi tra paesi, ma ovviamente con numerosi limiti su rotte e di diritti di traffico. Ad esempio le tariffe venivano accordate con le procedure in ambito IATA (International Air Transport Association) e in seguito con l’approvazione dei governi. Perciò all’interno di ciascun I Le compagnie aeree- economia e gestione del trasporto aereo – milano – giuffrè editore di Anna Claudia Pellicelli- paragrafo 1 – le caratteristiche del trasporto aereo.
Estratto dalla tesi: Low Cost nel trasporto aereo: strategie e creazione di valore. Successi e Insuccessi