Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dei procedimenti urbanistici nella pubblica amministrazione. Un caso di studio.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze dell'informazione

Autore: Flavio Vallet Contatta »

Composta da 538 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 65 click dal 04/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Flavio Vallet

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione - 20 - e illustrata la metodologia BP-M* utilizzate entrambe per effettuare l’analisi e l’implementazione del caso reale. L’esposizione prosegue poi, divisa in tre parti, e guidata dalle metodologie descritte nel precedente capitolo, per (capitolo 4) realizzare una “business process architecture”, in cui vengono definiti i processi di business e le relazioni esistenti tra quest’ultimi caratterizzando l’intera value chain aziendale, per la parte relativa ai procedimenti in genere e ai procedimenti urbanistici nel particolare. Si affronta successivamente, nel capitolo 5, l’analisi dei processi e delle attività ai vari livelli dell’organizzazione ed al redesign dello specifico processo di business. Utilizzando poi tecniche e metodologie offerte dall’ingegneria del software, si affronta, nel capitolo 6, il problema dell’implementazione dei processi, dove si riportano le caratteristiche di WebRatio: piattaforma scelta per collocare il sistema di workflow, l’infrastruttura orientata ai servizi (Soa) e l’ambiente (model-driven) di modellazione e sviluppo in ambiente web. Si prosegue poi con la reingegnerizzazione del sistema informativo che deve supportare i processi ridisegnati dove vengono definiti i casi d’uso, disegnato il modello concettuale della banca dati e progettata l’interfaccia utente (versione prototipale). Nel capitolo 7, si affronta il tema della interoperabilità con altri sistemi , dove si fa riferimento ai cosiddetti mashup, tecnica di sviluppo in cui logica di business non è più centralizzata ma adattabile, per comporre i singoli servizi esposti in nuovi e ridistribuendo i risultati applicativi ottenuti. 1.3 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Le informazioni riguardanti le cause delle evoluzioni continue e sempre più rapide dei sistemi sono tratte dal libro “Facile da usare – Una moderna introduzione all’ingegneria dell’usabilità” di Roberto Polillo – Marzo 2010. Le informazioni relative ai sistemi informativi, intesi come veicolo trainante per integrare le diverse tecnologie dell’informatica e delle reti per la gestione delle aziende; e il ruolo vitale che assumono in ogni organizzazione privata e pubblica sono tratte dal libro “Sistemi informativi d’impresa” a cura di Giampio Bracchi, Chiara Francalanci e Gianmario Motta – Edizione del 2010. I concetti relativi alla visione per processi , l’uso di discipline come il BPM, l’adozione di Architetture complesse Orientate ai Servizi (SOA) sono tratti dal libro “La gestione dei processi in azienda – Introduzione al Business Process Management” di Alessandro Sinibaldi – Edizione del 2009. Le informazioni riguardanti l’e-Government e la Società dell’Informazione, l’Agenda europea del Digitale, il Codice dell’Amministrazione Digitale, il nuovo Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD) sono tratti da diversi articoli, reperibili ai seguenti indirizzi internet:  European Commission, ICT for Governement and Public Services, www.ec.europa.eu, 2009  Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione, www.innovazionepa.gov.it.  DigitPA, CNIPA, www.digitpa.gov.it www.cnipa.gov.it  Agenzia per l’Italia Digitale, www.agid.gov.it  Agenda Digitale, Il primo giornale sull’agenda digitale italiana, www.agendadigitale .eu
Estratto dalla tesi: La gestione dei procedimenti urbanistici nella pubblica amministrazione. Un caso di studio.