Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La più recente giurisprudenza dell'autorità garante in materia di abuso di posizione dominante

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Fracchia Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 87 click dal 28/04/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Matteo Fracchia

Mostra/Nascondi contenuto.
  11   del Trattato 4 . E’ molto difficile intendere esplicitamente il concetto di abuso, è inoltre ancora più difficile saperlo applicare a caso per caso ogniqualvolta si deve giudicare il comportamento nel mercato delle imprese di cui si vuole analizzare la condotta. Nell’ ordinamento americano, si è dichiarato che le regole antitrust hanno “una generalità e una adattabilità paragonabile a quella considerata desiderabile nelle norme costituzionali” 5 ; le norme costituzionali hanno bisogno però di un’ interpretazione, ed è compito del giudice intendere la norma e relazionarla al caso in questione e in alcune circostanze, colmare i “vuoti” della norma stessa. La normativa concorrenziale può avere anche difficoltà applicative, si pensi ad esempio all’ ambiguità dei comportamenti dell’ impresa dominante, i quali possono essere considerati nello stesso tempo concorrenziali e anticoncorrenziali, oppure si pensi alla difficile analisi che si realizza sulle variabili del mercato quali costi, prezzi, preferenze dei consumatori ecc. Dall’ insieme di opinione e ideologie diverse, possono distinguersi due grandi filoni di pensiero sull’ interpretazione della nozione di abuso: la prima, pone al centro di attenzione il benessere totale dei consumatori; la scuola di pensiero prevede che, nonostante questa sia una operazione molto complessa, quantificando il benessere del consumatore prima e dopo il comportamento di cui si vuole determinare l’ abusività, si arrivi a determinare l’ effettivo sfruttamento della posizione dominante. La seconda scuola di pensiero pone al centro della sua dottrina una struttura concorrenziale del mercato praticamente perfetta, al fine di evitare prese di potere da parte di una o più imprese ritenute incompatibili con un sistema democratico, dove è necessaria la libertà di scelta dei consumatori; un comportamento che pregiudichi la struttura di questo mercato quindi, può essere ritenuto già di per sé abusivo.                                                                                                                 4 Art. 102 TFUE, norma all’ interno della quale si dice che è vietato lo sfruttamento abusivo da parte di una o più imprese di una posizione dominante sul mercato. 5 Corte Suprema, Sugar Institute, Inc. v. United States, 297 U.S 533(1936) “abbiamo detto che la legge antitrust Sherman, quale carta della libertà, ha una generalità e una adattabilità paragonabile a quella considerata desiderabile nelle norme costituzionali”.
Estratto dalla tesi: La più recente giurisprudenza dell'autorità garante in materia di abuso di posizione dominante