Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La telecronaca calcistica italiana: modelli, caratteristiche e stili tra passato, presente e futuro

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Zucca Contatta »

Composta da 312 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 205 click dal 08/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Marco Zucca

Mostra/Nascondi contenuto.
13 mutuato dalla pallacanestro) 39 . Discorso a parte merita il termine bomber, insidiato dallo spagnolo goleador o dall’italiano cannoniere, ma particolarmente utilizzato nei tempi recenti per indicare non solamente un attaccante prolifico, ma un vero e proprio simbolo, come testimonia l’esaltazione del centravanti Davide Moscardelli, divenuto un vero e proprio fenomeno mediatico (specie sui social networks) in virtù della sua folta barba 40 . Diversi sono anche i pseudoanglicismi, come mister (allenatore), che in inglese sarebbe coach. Gli anglicismi più diffusi hanno portato inoltre alla creazione di derivati con desinenze italiane: da cross si ha crossare, da dribbling dribblare, da pressing pressare 41 . Lo sport, nel corso del trentennio 1915-1945, divenne un fenomeno di massa, grazie anche alle finalità propagandistiche del regime fascista. Furono in particolare il calcio e il ciclismo gli sport prediletti. Ne derivò una forte espansione e articolazione della stampa sportiva, dalla quale sarebbero partiti i radicali cambiamenti che avrebbero interessato il linguaggio sportivo, e vennero adottate terminologie tecniche interamente (o prevalentemente) italiane. Alla retorica, caratteristica peculiare della descrizione dell’avvenimento sportivo, venne affiancato l’impeto dell’estetica fascista, fonte di grandi condizionamenti 42 . Si pensi che nel dopoguerra si pubblicavano in Italia, caso unico in Europa, ben quattro quotidiani sportivi: Corriere dello Sport (Roma), Gazzetta dello Sport (Milano), Stadio (Bologna) e Tuttosport (Torino); inoltre ogni settimana uscivano due rotocalchi: Sport Illustrato e Calcio e ciclismo illustrati 43 . Giacomo Devoto nel ’72 spiegava come fosse avvenuto il passaggio dai termini stranieri a quelli italiani: “La sostituzione dei termini forestieri è stata resa possibile dal tecnicismo, dalla burocratizzazione del gioco, dalla massa di carta stampata che si accompagna alla colossale organizzazione del gioco del calcio in Italia” 44 . La terminologia sportiva tende a ricorrere alla fruizione di vocaboli di uso corrente, i quali vengono dotati di uno specifico significato. Termini come palo, area, traversa, dischetto, porta, campo, bandierina, catenaccio, mediana (linea mediana), contropiede, francobollare etc. subiscono un processo di rideterminazione semantica, passando dalla lingua comune al calcio e ad altri sport 45 . 39 Claudio Giovanardi, Il linguaggio sportivo, in Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, a cura di P. Trifone, Roma, Carocci, 2006, p. 245. 40 A tal proposito, molto conosciuta è la pagina Facebook “Chiamarsi Bomber tra amici senza apparenti meriti sportivi”, consultabile su https://www.facebook.com/chiamarsi.bomber?ref=ts&fref=ts 41 Claudio Giovanardi, Il linguaggio sportivo, in Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, a cura di P. Trifone, Roma, Carocci, 2006, p. 246. 42 Antonio Catolfi, Comunicazione e sport, Urbino, QuattroVenti, 2006, p. 56. 43 Alberto Papuzzi, Professione giornalista, Donzelli Editore, 2003, p. 209. 44 Cit. Giacomo Devoto in Fabio Rossi, La lingua dello sport, Enciclopedia dello Sport 2003, consultabile su http://www.treccani.it/enciclopedia/sport-e-comunicazione-nella-societa-moderna_(Enciclopedia- dello-Sport)/ 45 Carlo Bascetta, Scritti sulla lingua italiana, a cura di Eliana Cardone, Antenore, Padova, 1985, p. 339.
Estratto dalla tesi: La telecronaca calcistica italiana: modelli, caratteristiche e stili tra passato, presente e futuro