Skip to content

Amore ed Eros tra kāvya ed epigrammi: visioni e incanti in India e in Grecia

Estratto della Tesi di Emiliano Sciuba

Mostra/Nascondi contenuto.
persino all’interno di alcuni inni dei sacri Veda, là dove si invocano, con accenti di viva voluttà, divinità femminili, si allude ad amori divini o si raccolgono magie e incantesimi d’amore, spesso destinati alle donne, che si presume fossero utilizzati per conquistare la persona amata, per allontanare un/una rivale, o per avere figli» 14 . La tradizione presenta comunque una lacuna di circa due secoli nel periodo in cui la letteratura d’arte più chiaramente si è organizzata (le prime opere kāvya dovettero essere composte nel III secolo a.C.) – passiamo, perciò, da esperimenti isolati (come i Canti dei monaci e delle monache) a opere compiute ed estese, che testimoniano un kāvya già maturo: come se dalla Bibbia si passasse diretti a Guido Guinizelli… Due uniche certezze 15 : in primis evidentemente la recisione del cordone ombelicale con tutti i temi e gli stilemi della antecedente tradizione vedica. Le prove più esemplari del radicale mutamento avvenuto (processo senza dubbio catalizzato da motivi e forme popolari per cui alcune sue caratteristiche sembrano risalire ad ambienti sociali molteplici) sono costituite dalla finalità profana del kāvya rispetto a quella religiosa dei Veda, dal cambiamento radicale dei metri e dell’immaginario vedico 16 , sostituito con quello peculiare del kāvya (beninteso: il kāvya è e rimane laico anche quando, sovente nei mahākāvya, tratta di temi mitologici– il fine non è dottrinale o cultuale bensì puramente estetico, nella misura in cui giochi letterari sono pure gli inni callimachei; nel kāvya può risaltare anche una vena nettamente satirica 17 , sebbene non davvero scoptica sulla scia dello scomma 14 D. Rossella, Passioni dall’India. Un’antologia, Dedizioni Pisa 2008 pg.11 , giusto a titolo d’esempio, i seguenti inni: RV X.10, I.121, IV.51; A V II.30, III.18, III.25, IV.5, VI.8, VII.36… 15 G. Boccali, S. Piano, S. Sani, Op. cit., 2000 pg.405 e ss. 16 La tradizione vedica era legata strettamente alle cerchie sacerdotali brahmaniche che, depositarie della Verità, tale poiché “udita”, occupavano il vertice della gerarchia sociale indiana con l’aiuto dell’ordine guerriero degli kṣatriya, a loro volta oggetto-soggetto del potere in quanto mantenitori del potere sacerdotale ma da questo autorizzati. L’immaginario degli inni ṛgvedici era perciò legato in special modo al mondo eroico, mentre l’immaginario kāvya veicola immagini quotidiane di pace, intrise in larga parte dall’esperienza totalizzante dell’amore (anche, come s’è visto, spirituale). 17 Si pensi alla strofe 3 della Centuria di Amaruka (cosa importano gli dei quando si è in intimità a 12
Estratto dalla tesi: Amore ed Eros tra kāvya ed epigrammi: visioni e incanti in India e in Grecia

Estratto dalla tesi:

Amore ed Eros tra kāvya ed epigrammi: visioni e incanti in India e in Grecia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emiliano Sciuba
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere Classiche
  Relatore: Albio Cesare Cassio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eros
antologia palatina
epigrammi
latino
veda
sanscrito
greco antico
kavya
amaru
lirica arcaica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi