Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La narrazione del Made in Italy in Brasile

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Maurizio Mazzeo Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 744 click dal 22/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Maurizio Mazzeo

Mostra/Nascondi contenuto.
13 le informazioni sui possibili sbocchi applicativi della tecnologia. Ecco come la fase attiva del consumatore non influisca solo nel posizionamento del bene ma concorra al project design. Ma è sicuramente l’americana GoPro quella ad essere riuscita, attraverso un solo prodotto, la sua action cam, a stabilire un legame definitivo tra appassionati della fotografia Hi-tech e il mondo degli sport più diversificati. Questi sport, sono caratterizzati da una forte componente creativa, e in effetti, mantenere il controllo su tutte le pratiche che giorno dopo giorno vengono diffuse attraverso la rete non è facile. Questi sono solo alcuni esempi di come il rapporto tra produzione e consumo abbia subito una profonda trasformazione, non è più una comunicazione a senso unico dove l’azienda produce e il consumatore subisce l’offerta: oggi il consumatore ha la possibilità di influenzare la produzione all’origine. I mercati si sono trasformati in “conversazioni” e le aziende, oggi più di prima, oltre alle “giuste lenti”, devono fornirsi anche di “orecchie tarate” per pubblici diversi. Un altro fenomeno che caratterizza la profonda trasformazione nel rapporto produzione- consumo è dato dal diffondersi dei così detti Makers, o artigiani digitali, come vengono anche definiti. Questa parola serve a descrivere un fenomeno in atto, che trova le sue origini nel mondo tradizionale del bricolage, e che oggi si sta diffondendo nell’artigianato e si caratterizza per l’utilizzo delle più moderne tecnologie digitali spesso avvalendosi di componentistiche aventi una forte componente ingegneristica. Rientrano in questa categoria coloro che elaborano progetti di stampa in 3D ma anche lavorazioni di metallo e legno dall’importante contenuto tecnologico. In questo caso occorre menzionare l’invenzione del kit Arduino, sviluppata da alcuni membri dell’ Interaction Design Institute di Ivrea, una suite di sviluppo hardware che permette una prototipazione domestica senza richiedere processi industriali grazie anche all’utilizzo di hardware e software liberi da vincoli di proprietà. Questo kit di sviluppo permette il controllo di più periferiche e trova impiego diretto in numerosi ambiti in cui è richiesto il controllo elettronico: fra i molti spicca l’industria dei droni e della domotica. Si tratta di una delle più importanti rivoluzioni elettroniche degli ultimi anni ed è interamente italiana. Dal punto di vista che interessa il nostro studio, ciò che assume rilievo è lo stravolgimento del rapporto produzione-consumo tradizionale, i Makers sono produttori che vendono direttamente al consumatore finale: il passaggio da fase creativa e produttiva a quella di consumo esclude la mediazione dell’organizzazione imprenditoriale. Una tendenza questa delle autoproduzioni che ha già interessato in maniera significativa l’industria della birra, con la diffusione dei micro-birrifici e della birra artigianale. Non solo, anche l’industria della moda con la piattaforma Not Just a Label 9 , di Stefan e Daniel Siegel, dove giovani stilisti 9 Vedi sitografia
Estratto dalla tesi: La narrazione del Made in Italy in Brasile