Skip to content

Basi per un'agricoltura di autosufficienza nell'epoca moderna

Estratto della Tesi di Norberto Lesi

Mostra/Nascondi contenuto.
12 consone decisioni a seconda delle circostanze. Ogni centuria era inoltre isolata da mura per consentire la protezione e l’isolamento da nemici sia umani che selvatici, solitamente le centurie erano collegate da un complesso sistema di strade con altre colonie dell’impero ma ognuna era costruita col preciso scopo di essere completamente autonoma. A ogni cittadino veniva assegnata una mansione, ogni coltura era assegnata nelle proporzioni che erano richieste per alimentare la centuria, le zone di allevamento erano divise da quelle agricole e venivano di volta in volta decise le varie specie vegetali da coltivare (Laffi, 2001). Sebbene poi i Romani abbiano attuato su grande scala una modifica del territorio, tuttora visibile, l’organizzazione studiata e misurata della suddivisione in gruppi autonomi è un perfetto esempio di ecosistema umano dove ogni componente non solo è riciclata, ma anche studiata su vasta scala per la costruzione di un equilibrio che consenta a ogni cittadino di vivere in sicurezza e autonomia, così come anche un esempio di come le forme di solidarietà sociale e collaborazione possano dare vita a complessi meccanismi di comunità autopoietiche per lo sviluppo umano. 3.2.3 Monasteri Un altro fenomenale esempio di sistema chiuso e autonomo, che si sviluppò successivamente nel periodo medioevale fu quello dei monasteri. Cominciarono a prosperare nell’epoca delle persecuzioni, ma, anche quando il Cristianesimo cominciò a diffondersi in tutta Europa, la protezione e l'autosufficienza dei monasteri protesse i suoi abitanti dalle guerre e dalle pestilenze del secolo. La necessità di difendersi da un ambiente ostile li portò negli anni a perfezionare il loro stile di vita, il cui esempio più esplicativo fu quello regolamentato e diffuso da San Benedetto. San Benedetto creò l’ordine monastico vero e proprio e introdusse una regola per aiutare i monaci a vivere al meglio la vita spirituale. La sua idea si incentrava sull'alternarsi di preghiera e lavoro, il famoso “ora et labora”, che contribuì a creare dei centri spirituali del tutto autosufficienti. Una vita frugale per eccellenza, dove i monaci pregavano, lavoravano la terra e provvedevano a tutti i loro bisogni principali. Spesso costruiti su alture e circondati da mura, i monasteri erano protetti da razzie e pericoli esterni, al suo interno venivano coltivati orti di erbe officinali, che i monaci studiarono a lungo fino a carpirne i potenziali curativi per sviluppare e diffondere l’arte della medicina. Studiarono anche l’apicoltura per la diffusione dei pollini tra i fiori delle loro preziose erbe e per l’estrazione di miele, cera, importantissima per illuminare le strutture, e sostanze, oggi ben conosciute, dal potere benefico. L’allevamento del bestiame, invece, contribuiva a fornire lana per gli indumenti, come anche la pergamena utilizzata ampiamente dagli amanuensi. Ogni monastero aveva il compito e il dovere di coltivare terre, vigne,
Estratto dalla tesi: Basi per un'agricoltura di autosufficienza nell'epoca moderna

Estratto dalla tesi:

Basi per un'agricoltura di autosufficienza nell'epoca moderna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Norberto Lesi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Agrarie
  Relatore: Francesco Danuso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

energie alternative
autosufficienza
sistemi agricoli
sistemi chiusi
agricoltura nella storia
oasi centuriazioni monasteri
permacultura natural farming
ambienti estremi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi