Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Digital retail e customer engagement: un focus sugli earned media

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Marika Schiavone Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 34 click dal 27/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Marika Schiavone

Mostra/Nascondi contenuto.
10 anche le piccole o medie imprese possono beneficiare del canale online per dare risalto alla propria attività; - C onosc e nza dire tta de l c onsumatore : la tecnologia dell’e-commerce permette più facilmente di raccogliere le informazioni sui consumatori, ad esempio le pagine web visitate, il tempo di permanenza, il numero di visitatori, la loro identità, ecc. Tali dati possono essere poi elaborati per delineare le caratteristiche della figura del consumatore e rispondere meglio alle sue esigenze; - Maggiore c ompe titiv ità: la presenza globale determina per le imprese una situazione di “ipercompetitività”, dalla quale deriva una spinta continua al miglioramento dei prodotti e dei servizi offerti. Per quanto riguarda invece i limiti (Neri, 2016), tra i principali ostacoli allo sviluppo dell’e-commerce si considerano: - Sc arsa c onosc e nza: scarsa conoscenza di internet e delle sue potenzialità sia da parte dei consumatori che delle imprese; - N uov e figure profe ssionali: lo sviluppo di una piattaforma e-commerce richiede alle imprese la creazione di nuove figure professionali come project manager, web master, web marketing manager, grafici web, copywriter, fotografi, ecc; - Manc anza di fiduc ia da parte de l c onsumatore e sic ure zza de l pagame nto: costruire un clima di fiducia tra i consumatori e le imprese è essenziale per lo svolgimento di un’attività commerciale in rete; la mancanza del contatto fisico con l’interlocutore e della possibilità di poter “toccare con mano” i prodotti incidono negativamente sulla fiducia dei consumatori, inoltre essi si preoccupano della sicurezza delle transazioni online e la privacy dei loro dati; - Spe se di spe dizione : costituiscono un elemento che frena la conclusione dell’acquisto da parte dei consumatori, perché possono far giungere anche alla completa perdita del risparmio ottenuto grazie all’acquisto online. I limiti sopra elencati sono confermati anche dal Rapporto sull’e-commerce 2016 di BEM Research, che si riferisce alla situazione italiana. Il principale limite deriva dalla preferenza, in generale, per i negozi fisici da parte dei consumatori (54%), seguito dalla scarsa sicurezza negli acquisti online (11%) e il mancato possesso delle carte di credito (11%), soprattutto nei più giovani. Rilevante è anche la scarsa fiducia riposta dai
Estratto dalla tesi: Digital retail e customer engagement: un focus sugli earned media