Skip to content

Il recesso dai trattati internazionali tra diritto internazionale e diritto dell'Unione europea: il caso Brexit

Estratto della Tesi di Irene Venturino

Mostra/Nascondi contenuto.
12 66 14 (procedures for judicial settlement, arbitration and conciliation), il quale sottopose la controversia alla Corte internazionale di giustizia o al Segretario Generale delle Nazioni Unite, nel caso in cui non fosse stato possibile pervenire ad una soluzione conforme all’art. 65 (procedure to be followed with respect to invalidity, termination, withdrawal from or suspension of the operation of a treaty), entro 12 mesi da quando l’obiezione era stata sollevata. La sezione prima della parte V della Convenzione, all’art. 42 n.1 dispone che “la validità di un trattato o del consenso di uno Stato ad obbligarsi mediante un trattato non può essere contestata se non in applicazione della seguente Convenzione”. Con questo articolo si perseguirono due scopi: il primo fu quello di stabilire una presunzione di validità dei trattati in modo che non potessero essere contestati se in forza della Convenzione; il secondo conferì un carattere esclusivo e tassativo a queste regole. Venne così riconosciuta preminente la stabilità dei rapporti convenzionali, tramite la circoscrizione delle ipotesi di validità in modo da salvaguardarla. Seguendo con l’analisi degli articoli, il 42 n.2 15 dispone che estinzione, sospensione, denuncia e recesso potranno soltanto verificarsi “in applicazione delle disposizioni del trattato o della presente Convenzione”, rinviando la disciplina codificata alla eventuale regolamentazione di tali punti in ogni trattato. È comunque impossibile escludere il diritto consuetudinario quando sono rimasti fuori dalla Convenzione tre casi: quando l’accordo cessa di avere effetto a causa della sopravvenienza di consuetudini incompatibili in seguito alla successione di Stati o in conseguenza della guerra. L’art. 43 16 afferma, senza sollevare alcuna difficoltà, che gli obblighi enunciati all’interno del trattato, al quale gli Stati contraenti siano sottoposti in virtù del diritto internazionale indipendentemente dal trattato in questione, rimangono fermi nonostante la nullità, la denuncia, il recesso, la sospensione o l’estinzione di un trattato. La funzione di cui fu 14 “If, under paragraph 3 of article 65, no solution has been reached within a period of 12 months following the date on which the objection was raised, the following procedures should be followed: a) any one of the parties to a dispute concerning the application of the interpretation of article 53 or 64 may, by a written application, submit it to the International Court of Justice for a decision unless the parties by common consent agree to submit the dispute to arbitration; b) any one of the parties to a dispute concerning the application or the interpretation of any of the other articles in part V of the present Convention may setting motion the procedure specified in the Annex to the Convention by submitting a request to that effect to the Secretary-General of the United Nations.” 15 “The termination of a treaty, its denunciation or the withdrawal of a party, may take place only as a result of the application of the provisions of the treaty or of the present Convention. The same rule applies to suspension of the operation of a treaty.” 16 “The invalidity, termination or denunciation of a treaty, the withdrawal of a party from it, or the suspension of its operation, as a result of the application of the present Convention or of the provisions of the treaty, shall not in any way impair the duty of any State to fulfil any obligation embodied in the treaty to which it would be subject under international law independently of the treaty.”
Estratto dalla tesi: Il recesso dai trattati internazionali tra diritto internazionale e diritto dell'Unione europea: il caso Brexit

Estratto dalla tesi:

Il recesso dai trattati internazionali tra diritto internazionale e diritto dell'Unione europea: il caso Brexit

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Irene Venturino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Simone Carrea
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi