Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il crollo dell'Unione Sovietica e gli effetti sull'economia russa

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Timur Ishimbaev Contatta »

Composta da 26 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 223 click dal 25/07/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Timur Ishimbaev

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Nel 1985, l’Unione Sovietica si trovò innanzi ad un bivio. Socialmente, politicamente ed economicamente essa fu protagonista di diversi successi, derivanti dal suo sistema socialista e dalle risorse oggettive del più grande e diversificato Stato del mondo. A partire dalla sua nascita (nei primi anni ‘20), l’U.R.S.S. ebbe una crescita economica continua (interrotta solamente durante la Seconda guerra mondiale); la sua società beneficiò di un lento ma costante relativo al miglioramento della vita 4 . Dopo la Seconda guerra mondiale, l’Unione Sovietica divenne una superpotenza militare e politica, leader di tutto il blocco socialista e l’unico vero contrappeso all’egemonia americana. È riuscita, così, ad ottenere numerosi successi, come l’istruzione gratuita e l’assistenza medica, registrando un tasso di disoccupazione pari allo 0%. I suoi progressi scientifici e culturali sono stati universalmente riconosciuti in tutto il mondo, si pensi ai primati ottenuti anche nei settori della danza, dello sport, e così via. Allo stesso tempo, però, il Paese dovette affrontare non poche questioni problematiche. Prime tra tutte la corruzione ed il nepotismo, che minacciavano la stabilità sociale, il successo economico ed il sostegno popolare per l’elite 5 . In questo contesto, i tassi di crescita economica iniziarono a ristagnare, con aree cruciali quali l’agricoltura, gettando il territorio in una situazione di pre- crisi, che riguardò soprattutto la disponibilità di beni di consumo e l’abbassamento degli standard materiali di vita. Tutto ciò fu poi aggravato da un bilancio militare paralizzante, circa il 20% del PIL, che impedì, di fatto, gli investimenti nelle cosiddette “aree utili” 6 . 4 KOTZ D., WEIR F., The Collapse of the Soviet Union was a Revolution from Above, in The Rise and Fall of the Soviet Union, Thomson Gale, Farmington Hills, 2006, pp. 157-158. 5 NEIMANIS G. J., The Collapse of the Soviet Empire: a View from Riga, Praeger Publishers, Westport, 1997, p. 5.
Estratto dalla tesi: Il crollo dell'Unione Sovietica e gli effetti sull'economia russa