Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Growth Hacking: Il nuovo mindset del Marketing

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Coppola Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1036 click dal 01/09/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giuseppe Coppola

Mostra/Nascondi contenuto.
11 1.2 Il principale protagonista: il Growth Hacker (Sean Ellis) La citazione del fondatore Sean Ellis 15 “Un growth hacker è una persona la cui stella polare è la crescita 16 ” è chiara per definire l’essenza e la priorità di colui che orbita nel mondo del Growth Hacking. Infatti, il Growth Hacker viene visto da Ellis come una persona che è unicamente ossessionata dalla crescita e che, a differenza del marketing manager, il cui scopo è quello di gestire e mantenere attivi una serie di attività e canali, definisce un singolo obiettivo a cui sono correlati tutti i suoi sforzi. Il Growth Hacker è, comunque, una figura tutt’ora in via di definizione e, forse, rappresenta l’esempio più evidente di un ruolo che nasce all’interno dell’ecosistema startup. Egli non ha un background specifico, di solito si tratta di una figura ibrida che proviene dal marketing, dall’Engineering, o dal product management ed ha l’obiettivo di fare crescere le basi utenti del proprio business grazie ad un’analisi dei comportamenti, delle interazioni e dei feedback degli utenti stessi 17 . La definizione di Growth Hacker si rinviene anche nel pensiero di Andrew Chen 18 , il quale lo definisce “un ibrido tra un marketer e un developer”. Il Growth Hacker, infatti, deve saper combinare il giusto mix tra strategie e strumenti ed essere il primo a porsi la domanda: “come riusciremo ad ottenere Traction e utenti per il prodotto?” Spesso tali strumenti e/o canali non risultano utilizzati o, comunque, risultano sottostimati, determinando una minore competizione con altre aziende non presenti, generando costi di acquisizione più bassi 19 . 15 Sean Ellis rappresenta il capostipite di questo fenomeno, di cui ne è stato ideatore e promotore in maniera diretta, attraverso il suo costante impegno effettivo nei vari progetti di impresa di cui si è occupato, primo fra tutti Drop Box. Imprenditore, business Angel e startup Advisor Sean Ellis è attualmente CEO di GrowthHAckers.com e mentor all’interno dell’acceleratore di impresa “500 startup” a San Francisco. 16 Tratto dal libro “Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online” - Barboni L. Simonetti F. – (pag38) 17 Tratto dal libro “Digital Entrepreneur: Principi, pratiche e competenze per la propria startup. 18 Noto personaggio nel mondo dei Growth Hacker. Attualmente Andrew Chen lavora presso Uber, multinazionale che fornisce un servizio di trasporto automobilistico privato. 19 Il C.A.C. o Customer Acquisition Cost è l’indicatore di costo che esplica in maniera monetaria il costo che sostiene l’impresa (o la startup) per acquisire un singolo utente da un determinato canale, o strategia.
Estratto dalla tesi: Growth Hacking: Il nuovo mindset del Marketing