Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''The Importance of Being Earnest'': tre traduzioni italiane a confronto

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Veronica Carmen Schifini Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 374 click dal 07/09/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Veronica Carmen Schifini

Mostra/Nascondi contenuto.
lui più naturale nella lingua d’arrivo. Tradurre il senso significa allora fare astrazione dalla lettera del testo originale, dal “corpo” delle parole che lo compongono. In questo modo, sarà necessariamente l’autore a spostarsi verso il lettore in quanto la struttura della frase tradotta non avrà più un rapporto diretto con la struttura della frase originale, ma rappresenterà solo la struttura più “normale” nella lingua d’arrivo per esprimere il senso della frase originale. Ne consegue che da un lato, il senso del testo originale sarà inevitabilmente influenzato, modificato o addirittura deformato dalle strutture della lingua d’arrivo, dall’altro ogni forma d’influenza della lingua di partenza sulla lingua d’arrivo viene necessariamente esclusa. Al contrario, fare in modo che il lettore vada incontro allo scrittore corrisponde alla traduzione alla lettera: il traduttore cerca in questo caso di riprodurre nel testo d’arrivo l’insieme delle caratteristiche linguistiche del testo di partenza (lessico, sintassi, figure retoriche, ritmo) . Tradurre alla lettera significa allora sforzarsi di adattare la lingua d’arrivo 59 all’espressione della complessità del senso del testo originale, un senso che passa innanzitutto attraverso l’uso di certe parole (dotate non solo di un significato ma anche di un significante, cioè di un suono e di una forma specifici), poi attraverso la scelta di certe strutture sintattiche (che esprimono un certo punto di vista, una certa rappresentazione della realtà, una certa visione del mondo), infine attraverso il ricorso a certe figure retoriche (figure di parola e figure di pensiero) e a un certo ritmo proprio di un dato tipo di scrittura . 60 In questo modo, sarà il lettore a spostarsi verso lo scrittore, in quanto la lingua d’arrivo si aprirà allora all’influenza della lingua e della cultura di partenza. Schleiermacher parla essenzialmente di quattro problemi che si riscontrano nel tradurre alla lettera: 1. problemi di ordine lessicale: ogni lingua è costituita da un insieme di parole, cioè da un lessico, il che implica, quando si traduce, due diversi problemi, uno al livello dei significanti, l’altro al livello dei significati. A livello dei significanti, fatta eccezione per i pochi prestiti, i suoni che compongono le parole di ogni lingua sono diversi da quelli che compongono le parole equivalenti delle altre lingue. Ne segue che un traduttore Cfr. Angeli F., I saperi del tradurre, Milano, Global Print, 2007, pp.11-13. 59 Cfr. Morini M., op. cit., pp. 44-45. 60 14
Estratto dalla tesi: ''The Importance of Being Earnest'': tre traduzioni italiane a confronto