Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stato, totalitarismo e alienazione in George Orwell

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Piazzai Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 430 click dal 29/09/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Alessandro Piazzai

Mostra/Nascondi contenuto.
16 10 B. Crick, George Orwell, cit., p. 383. 2.4 L ’evoluzione del concetto di s ocialis mo 2.4.1 L ’inizio con The road to the Wigan Pier E’ a partire dalla seconda metà degli anni trenta che le riflessioni di Orwell cambiano. Il rapporto tra individuo e potere è visto in una diversa prospettiva dal carattere più ideologico e politico. The road t o t he Wigan Pier (il saggio dedicato ai minatori dello Yorkshire) rappresenta la sua conversione al socialismo. L’adesione al socialismo è il risultato di un rifiuto dell’autorità e una reazione all’ingiustizia e alla povertà. Non ha mai studiato le idee di Marx o il marxismo. Il celebre biografo, Bernard Crick, chiarisce meglio la questione: «a giudicare dalla seconda parte della St rada di Wigan Pier, Orwell non aveva studiato a fondo i sacri testi del marxismo; e niente, negli altri suoi scritti, nelle sue lettere, o nei libri che gli appartennero, testimonia di una conoscenza poco più che modesta del marxismo. Probabilmente egli aveva raccolto il grosso della sua conoscenza dalla “tradizione orale” (al pari di molti studenti degli anni 60’), incontrandosi con marxisti e ascoltando con attenzione e serietà le loro discussioni, quantunque irritato dalle loro astrazioni e rigidità.» 10 . Già in The road t o Wigan Pier prende distanza dagli intellettuali comunisti inglesi e mette in discussione alcuni punti del pensiero di Marx: le implicazioni dialettiche delle sue formulazioni economiche e la concezione finalista della storia. Secondo Orwell occorre superare quella concezione materialistica del socialismo integrandola con i contenuti morali e spirituali da lui ritenuti essenziali per tutte le forme di associazione politica. A differenza della Auden G enerat ion, che concepisce la letteratura come strumento di propaganda a favore del marxismo, il socialismo di Orwell si forma nel corso delle sue esperienze di funzionario imperiale, vagabondo a Parigi e a Londra e miliziano nel Puom in Spagna. Nei suoi scritti saggistici rimprovera più volte la Auden G enerat ion accusandola di aver sostituito la fede in Dio con quella nel marxismo, di giustificare il fine con i mezzi e soprattutto di essere antifascisti
Estratto dalla tesi: Stato, totalitarismo e alienazione in George Orwell