Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leadership Orizzontale per il Manager dello Sport. Ricerca-azione per gli Eventi Sportivi Sostenibili secondo la norma ISO 20121

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Valentina Leoni Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 509 click dal 27/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Valentina Leoni

Mostra/Nascondi contenuto.
17 Goal 8: Incentivare una crescita economica, duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti; Goal 9: Costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile; Goal 10: Ridurre le disuguaglianze all'interno e fra le Nazioni; Goal 11: Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili; Goal 12: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo; Goal 13: Adottare misure urgenti per combattere i cambiamenti climatici e le sue conseguenze; Goal 14: Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile; Goal 15: Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre, gestire sostenibilmente le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica; Goal 16: Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l'accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficaci, responsabili e inclusivi a tutti i livelli; Goal 17: Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile. Dicembre 2015 modifiche Carta Internazionale per l’Educazione Fisica e per lo Sport del 1978. La modifica concettuale più significativa riguarda il riconoscimento dell’attività fisica come “diritto umano fondamentale”. Viene introdotto il concetto di “attività fisica” al posto di quello di “attività fisica e sport”, in modo da inglobare col primo tutta una serie di attività benefiche per la salute non necessariamente riconosciute nella seconda nozione; 2016: Carta di Cortina sulla Sostenibilità degli Sport Invernali (Cortina d’Ampezzo, 24 gennaio 2016). La Carta, sottoscritta dal Ministero dell’Ambiente, dal comune di Cortina d’Ampezzo, dal CONI, dall’UNESCO e da altri stakeholder, nasce dalla volontà di diverse comunità di località alpine, di intervenire per ridurre l’impatto che gli sport invernali hanno su territori ricchi di biodiversità e che costituiscono un importante patrimonio naturale e culturale;
Estratto dalla tesi: Leadership Orizzontale per il Manager dello Sport. Ricerca-azione per gli Eventi Sportivi Sostenibili secondo la norma ISO 20121