Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Fascino del Retro-Marketing. Il caso Luxottica.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dei fenomeni sociali e dei processi organizzativi

Autore: Jessica Berra Contatta »

Composta da 24 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 892 click dal 14/09/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Jessica Berra

Mostra/Nascondi contenuto.
9 1.2 Un consumatore differente Il cambiamento dello scenario competitivo, ha portato alla definizione di una nuova identità del consumatore, spesso definito post-moderno 11 (Fabris, 2003), delineando tratti specifici che le aziende utilizzano come linee guida per tracciare un loro percorso alternativo di offerta sul mercato. Nella nuova società economica dunque, il consumatore si presenta come un attore sociale più informato e consapevole. Lo sviluppo tecnologico ha offerto nuove possibilità di accedere a fonti di informazione, stando interconnessi ed aggiornati ovunque in tempo reale, elaborando i cambiamenti esterni, per poi adeguarli ai suoi comportamenti traendone così la massima utilità. Questo ha spinto l’individuo alla ricerca della sua autonomia, distaccandosi dalla marca e dal processo produttivo stesso; portando ad affermare che non sono più le imprese a dettare le regole di mercato, bensì interesse primario è quello di intessere una relazione trasparente col consumatore moderno:“è proprio in questo periodo storico che è avvenuta la sua socializzazione, il suo apprendistato al ruolo di consumatore” 12 ( Fabris 2003, pag. 15) . Questo nuovo consumatore è colui il quale Maffessoli battezza come homo aesheticus 13 (Maffesoli, 1985), cioè un individuo che organizza le proprie priorità in ambito dei consumi e delle scelte di acquisto; rivalutando d’atmosfera dei luoghi, dell’immagine e del packaging del prodotto e delle sensazioni che esso è in grado di suscitare. Il consumatore non si basa più unicamente sulla funzionalità del prodotto e sul rapporto qualità/prezzo, bensì agisce sempre più sospinto da una razionalità emotiva portata all’estremo 14 . Elementi cardine diventano allora gli stimoli sensoriali, il solleticare le emozioni, le sensazioni positive e, in particolare, il contenuto esperienziale in esse custodito. Tali elementi riflettono molti degli ambiti dell’odierna società, che vede la preponderanza dell’apparire sull’essere, della forma sul contenuto. 11 G. Fabris,(2003) “Il nuovo consumatore: verso il postmodernismo”, Franco Angeli. 12 Cit. G. Fabris (2003), “Il nuovo consumatore verso il postmoderno”, Franco Angeli, p. 15. 13 M. Maffesoli (1985),” Le paradigma estetique, in Sociologia et Sociétés” ,Vol. 17. 14 Cit. G. Fabris,(2008) “Societing, Il marketing nella società postmoderna” , Egea.
Estratto dalla tesi: Il Fascino del Retro-Marketing. Il caso Luxottica.