Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ePortfolio come strumento per l'orientamento diacronico-formativo

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Francesca Perica Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 160 click dal 14/09/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesca Perica

Mostra/Nascondi contenuto.
18 continuo cui debbono concorrere unitariamente le varie strutture scolastiche e i vari aspetti dell’educazione” 14 . Degna di nota è poi la Circolare Ministeriale n. 248 del 6 agosto 1971, la quale riconosce che la scuola, con la sua opera educativa, è la prima sede dell’azione orientativa dell’alunno. Tuttavia, per vedere ulteriori e più incisivi interventi sul tema è necessario attendere gli anni Novanta. Nel 1997, anno della legge sull’autonomia scolastica (L. 59 del 15 marzo 1997), viene promulgata quella che ancora oggi rappresenta una norma di riferimento per le pratiche di orientamento nel nostro Paese: la Direttiva n. 487 del 6 agosto 1997, denominata “Direttiva sull’orientamento delle studentesse e degli studenti”. In particolare gli articoli 1 e 2 della Direttiva ben evidenziano l’importanza ricoperta, nell’ambito dei processi formativi, dalle attività di orientamento, sottolineando le azioni progettabili e implementabili dalle scuole. All’articolo 1 si legge che “L’orientamento – quale attività istituzionale delle scuole di ogni ordine e grado - costituisce una parte integrante dei curricoli di studio e, più in generale, del processo educativo e formativo sin dalla scuola dell’infanzia. Esso si esplica in un insieme di attività che mirano a formare e a potenziare le capacità delle studentesse e degli studenti di conoscere se stessi, l’ambiente in cui vivono, i mutamenti culturali e socio-economici, le offerte formative, affinché possano essere protagonisti di un personale progetto di vita, e partecipare allo studio e alla vita familiare e sociale in modo attivo, paritario e responsabile” 15 . La Direttiva presenta quindi l’orientamento non come una attività “laterale”, bensì come una componente strutturale dei processi educativi, una risorsa strategica che può esplicarsi attraverso molteplici azioni che 14 Programmi, orari di insegnamento e prove di esame per la scuola media statale, 9 febbraio 1979, n. 50. 15 Direttiva sull’orientamento delle studentesse e degli studenti, 6 agosto 1997, n. 487, art. 1.
Estratto dalla tesi: L'ePortfolio come strumento per l'orientamento diacronico-formativo