Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Learning By Doing. Approcci psicologici sottostanti la metodologia

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Stella Paladin Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 245 click dal 12/10/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Maria Stella Paladin

Mostra/Nascondi contenuto.
11 Capitolo secondo COLLEGAMENTI ALL’ ESPERIENZA Dopo aver presentato, nel primo capitolo la metodologia lbd, si rende necessario, in queste pagine, descrivere alcune esperienze a sostegno di questa metodologia: il tirocinio accademico e i training formativi lbd. Queste esperienze sono state descritte attraverso l’osservazione: un processo « […] che può venire inteso in modo ampio così da includere non solo la percezione, ma altresì la sensazione e l’introspezione, oppure in modo più ristretto implicante unicamente la percezione di ciò che in linea di principio è pubblicamente accertabile, ossia percepibile anche da parte di altri». 9 Si tratta di un’osservazione descritta a posteriori dalla protagonista in maniera sincronica e insieme diacronica, cioè analizzando i singoli momenti per poi unirli e definire ciascuna esperienza svolta, sia di tirocinio sia di training lbd. 2.1 Esperienze di tirocinio a sostegno del learning by doing (lbd) Durante il tirocinio accademico, che si è svolto presso il centro polivalente NSE 10 , è stato possibile assistere ad alcune attività formative ed educative rivolte agli adolescenti, in cui si è riconosciuta la metodologia lbd: in particolare nei laboratori e in alcuni progetti. I laboratori offerti riguardavano attività di spry art, fumetto, chitarra, trucco, fotografia e inglese. Questi erano coordinati ciascuno da una figura, chiamata insegnante, che in quel contesto, assumeva il ruolo di educatore e quindi di facilitatore, il quale stimolava i giovani e proponeva loro dei contesti ludico-ricreativi in cui avevano la possibilità di sperimentarsi anche rispetto alle dinamiche di gruppo. In queste esperienze i ragazzi hanno potuto sviluppare nuove conoscenze e nuove abilità quali il problem finding, il problem setting, il problem analysis e il problem solving, comprese le capacità di decision taking e decision making. Queste sono dei processi che permettono di 9 C. G. HEMPEL, La formazione dei concetti e delle teorie nella scienza empirica, Milano, Feltrinelli, 1961, p.106. 10 Ulteriori informazioni possono essere reperite in (5.05.14).
Estratto dalla tesi: Learning By Doing. Approcci psicologici sottostanti la metodologia