Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

BCE, FED, Banca Centrale del Regno Unito, Banca Centrale del Giappone: Strategie di politica monetaria a seguito della crisi finanziaria del 2007 e successive implicazioni macroeconomiche

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Raffaele De Maria Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 508 click dal 27/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Raffaele De Maria

Mostra/Nascondi contenuto.
15 5. Dall’edilizia residenziale agli istituti di credito Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, la recessione causata dall’implosione della bolla immobiliare non è stata immediata. Tuttavia i problemi dell’edilizia hanno iniziato a trasferirsi alle banche e agli istituti di credito, a causa delle grandi perdite registrate sulle mortage-backed securities (MBS, titoli garantiti da ipoteche), ossia strumenti finanziari creati vendendo debiti da riscuotere su un vasto aggregato di mutui ipotecari. In altre parole i mutui concessi alle famiglie potevano essere acquistati dagli investitori a seguito di una procedura, detta cartolarizzazione. 7 Quindi la gravità della crisi era dovuta non tanto, o non solo, ai cali dei prezzi nel settore immobiliare, ma soprattutto alle prassi creditizie e ai prodotti finanziari che le accompagnavano. Tali prassi creditizie avevano un denominatore comune: permettevano al mutuatario di pagare rate relativamente basse nel periodo iniziale, ma a fronte di pagamenti crescenti nel tempo. Finché i prezzi delle case salivano, i proprietari, in caso di difficoltà nei pagamenti, potevano rifinanziare i mutui; ma quando il trend si è invertito, molti si sono ritrovati «sott’acqua», ossia con un prestito da rimborsare superiore al valore dell’immobile. Questo, come anticipato, costituiva un problema non di poco conto per i soggetti finanziatori. Alcuni mutui emessi dalle banche e dalle società di credito rimanevano nei loro bilanci, ma molti venivano accorpati nelle mortage-backed securities e venduti sui mercati, venendo così scaricati su altri soggetti eventuali rischi di insolvenza da parte dei debitori. Alcuni di questi titoli erano piuttosto semplici, altri invece erano molto complessi e difficili da comprendere, come ad esempio i collateralized debt obligations (CDO), ossia obbligazioni strutturate garantite da mutui ipotecari e crediti di altra natura. 8 I mutui sulle abitazioni hanno 7 http://www.creditmanagementbank.eu/approfondimenti/Cartolarizzazione-dei-crediti/ 8 Per un approfondimento sui CDO, si può consultare il sito di Borsa Italiana alla pagina: http://www.borsaitaliana.it/bitApp/glossary.bit?target=GlossaryDetail&word=Collateralized%20Debt %20Obligation
Estratto dalla tesi: BCE, FED, Banca Centrale del Regno Unito, Banca Centrale del Giappone: Strategie di politica monetaria a seguito della crisi finanziaria del 2007 e successive implicazioni macroeconomiche