Skip to content

I Mesi del Buonconsiglio

Estratto della Tesi di Anna Schergna

Mostra/Nascondi contenuto.
La figura di Giorgio di Liechtenstein apre una stagione inedita per la politica e per l’arte del Trentino. Il principe vescovo si impone subito come una figura unica per modernità, intende introdurre a Trento il ricordo delle sue importanti cariche viennesi, e con esse il clima cosmopolita che ben conosce. Sul finire del 1300 ristruttura diversi spazi, principalmente nel corpo orientale, dove si trovano gli appartamenti vescovili, apre finestre a croce per dare maggiore luminosità al complesso, mette in opera raffinati soffitti. Documenti del 1401 e del 1402 segnalano la redazione in locali appena modificati, «in stuba nova magna, in stuba magna nova inferiori.» 11 Dal castello un nuovo corridoio lungo le mura conduce alla cosiddetta Torre Falco, successivamente affrescata, e quindi a Torre Aquila, rialzata e resa in parte privata. Nella sala al secondo piano troviamo il ciclo dei Mesi, affrescato molto probabilmente, come vedremo nei prossimi capitoli, da quel Maestro Venceslao documentato in città in stretto rapporto con il vescovo nel 1397, legato all’ambito di provenienza di Giorgio stesso, verosimilmente autore anche dei frammentati affreschi al terzo piano della stessa torre. Gli affreschi dei Mesi vengono terminati non oltre il 1407, anno in cui l’insurrezione popolare dei trentini, appoggiati dal duca Federico IV d’Austria, interrompe bruscamente il sogno di restaurazione e mondanità di Giorgio. La biblioteca e molti dei suoi oggetti preziosi sono asportati, e i cittadini riescono a far riconsegnare alla città parti delle mura. Il principe viene prima imprigionato e poi allontanato da Trento. L’impresa neofeudale di Giorgio pone comunque la città in una posizione accentrata di progresso culturale unica per Trento, che nel secolo XIV compete artisticamente con Bolzano, dove in quegli anni si aprono numerosi cantieri, primo su tutti quello del maestoso coro poligonale della Parrocchiale. Il clima cortese ideato da Giorgio con il ciclo dei Mesi di Torre Aquila trova paralleli in quegli anni nel castello di Runkelstein, in quello oggi pressoché scomparso di Leuchtenburg, presso Caldaro, nei castelli Wendelstein e Schrofenstein di Bolzano e in numerosissime altre corti dell’arco alpino. Possiamo pensare che la committenza di Giorgio abbia un centrale ruolo di stimolo; documentati sono i contatti del Principe Vescovo con molti aristocratici locali, che indubbiamente influenza. 
 Castelnuovo, Di Macco, Bellabarba, Lupo, Rossi, Bacchi, Passamani 1995 p. 16 11 10
Estratto dalla tesi: I Mesi del Buonconsiglio

Estratto dalla tesi:

I Mesi del Buonconsiglio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Schergna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Fabrizio Lollini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

medioevo
storia dell'arte
trento
storia dell'agricoltura
principato vescovile
mesi
buonconsiglio
giorgio di liechtenstein
tacuina sanitatis
gotico internazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi