Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La didattica fra teoria e pratica nella Scuola Primaria

Tesi di Master

Autore: Luca Giambonino Contatta »

Composta da 32 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 607 click dal 08/11/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luca Giambonino

Mostra/Nascondi contenuto.
9 In primis, suddivisa la classe per piccoli gruppi si potrebbe passare a quello che sicuramente sarà il più dibattuto dei temi (dagli allievi) ovverosia la scelta della grafica del nostro sito. Le piattaforme che ospitano blog hanno in effetti una vastissima scelta di themes gratuiti fra cui andare a scegliere quello che più si adatta alle esigenze sia tecniche sia estetiche del nostro blog di classe. Accesi i computer e indirizzatici sulla pagina di scelta dei themes lascerei che ogni gruppo dica la propria sul “tema” - così sono chiamati in italiano - che preferisce suggerendo od orientando gli allievi su quello che potrebbe parere il più opportuno il tutto con uno spirito di democraticità e libera espressione della scelta creativa preferita. E’ ovvio che se il compito diventasse eccessivamente arduo il maestro/a dovrebbe porre un freno ed eventualmente optare egli stesso per una scelta che, sentiti i pareri della classe, soddisfi tutti, spostando l’immagine del “tema” scelto direttamente sulla LIM in modo tale che possa essere visto da tutti gli allievi. Questo progetto, che si svilupperebbe in più lezioni per ovvi motivi logistici e di tempo, porterebbe al risultato finale ovverosia l’aver costruito o almeno pre-costruito quello che, una volta iniziato il suo utilizzo vero e proprio, ovverosia la pubblicazione di post, diventerebbe il nostro blog di classe. L ’aspetto che sarà veramente il fulcro del progetto, non sarà tanto l’aver creato qualcosa di nuovo per gli allievi ma aver permesso, servendosi delle necessarie metodologie didattiche, la libera espressione di ciascun allievo, coinvolgendolo nella creazione di un sapere nuovo e che una volta sviluppato potrebbe essere continuo. Nulla infatti ci vieta che se il progetto è stato sviluppato dalla classe V di un determinato anno, esso non possa essere proseguito nel tempo dalla precedente classe IV nel successivo anno scolastico, magari con quello che qui ci interessa realmente ovvero lo sviluppo e
Estratto dalla tesi: La didattica fra teoria e pratica nella Scuola Primaria