Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sostanza e modi in Spinoza: alcune interpretazioni recenti

Laurea liv.I

Facoltà: Filosofia

Autore: Luca Rossato Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 66 click dal 03/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luca Rossato

Mostra/Nascondi contenuto.
10 1.1. Gilles Deleuze: immanenza e univocità In questo paragrafo verrà esposta l'interpretazione di Deleuze a partire dalle nozioni di espressione e di distinzione reale per poi arrivare alla nozione di univocità. Questi aspetti dell'interpretazione del filosofo francese sono anche quelli presi in maggior considerazione da D'Anna negli articoli sopra menzionati. 1.1.1. La nozione di espressione e la distinzione reale Il verbo exprimere è un verbo tecnico della filosofia di Spinoza che Deleuze pone al centro della sua lettura. L'idea di espressione caratterizza sia il rapporto tra la sostanza e gli attributi, sia quello tra gli attributi e i modi 3 . Così questa nozione diventa fondamentale per comprendere la possibilità di un'infinita molteplicità nell'unità 4 . La sostanza si esprime in primo luogo negli attributi, ed ogni attributo esprime un'essenza. Ma, in secondo luogo, anche gli attributi si esprimono: si esprimono nei modi che ne dipendono, e ciascun modo esprime una modificazione 5 . Possiamo osservare che ci sono due livelli di espressione: il primo fa sì che la sostanza si costituisca come natura naturante, mentre il secondo produce la natura naturata. Soltanto a questo secondo livello l'espressione si caratterizza 3 L'idea di espressione non è oggetto né di dimostrazione, né di definizione e non può nemmeno essere utilizzata per definire. Questa idea emerge soltanto per determinare dei rapporti interni alla sostanza divina. "L'idea di espressione sembra quindi venire alla luce solo in quanto determinazione del rapporto fra l'attributo, la sostanza e l'essenza, nel momento in cui Dio è a sua volta definito in quanto sostanza che consta di infiniti attributi anch'essi infiniti. L'espressione non concerne la sostanza o l'attributo in generale in condizioni indeterminate; quando la sostanza è assolutamente infinita, quando possiede infiniti attributi, allora, e solo allora, gli attributi esprimono l'essenza, perché, allora, anche la sostanza si esprime negli attributi". G. DELEUZE, Spinoza e il problema dell'espressione, cit., p. 14. 4 "L'unità sostanziale si realizza sempre in forme particolari e determinate. Per questo motivo – secondo Deleuze – lo studio del concetto di espressione consente di comprendere sia le modalità di coesistenza delle infinite essenze (attributi) nell'unità, sia le forme concrete ed esistenti in cui la natura si esplica (modi)". F. CERRATO, Espressione e vita: lo Spinoza di Gilles Deleuze, "Dianoia", XVIII, 2013, p. 302. 5 G. DELEUZE, Spinoza e il problema dell'espressione, cit., pp. 9-10.
Estratto dalla tesi: Sostanza e modi in Spinoza: alcune interpretazioni recenti