Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tableaux duali a coefficienti interi per problemi di programmazione lineare

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Enrico Rossi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14 click dal 21/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Enrico Rossi

Mostra/Nascondi contenuto.
su uno schema di partenza, si fa riferimento al sistema espresso nella forma (1:51), o alle sue successive forme ottenute mediante operazioni pivotali classiche od intere; mentre, quandosiparladisistemacolonnarappresentatodaunqualsiasischema, si fa sempre riferimento al sistema colonna i cui coe¢ cienti sono espressi esattamente dallo schema in questione. Inoltre quando si parla di operazioni pivotali per sistemi duali, si considera pivot il coe¢ ciente interno di uno schema che Ł comune alle rappresentazioni dei sistemi delloschema, mentre, quandosianalizzale⁄ettochelamedesimaoperazionepivotale per sistemi duali, separatamente, produce nei sistemi (1:48) e (1:51), il pivot Ł il coe¢ ciente che occupa la medesima posizione nei due sistemi descritti dallo schema di partenza. Cos facendo, come vedremo, si pu facilmente a⁄ermare che ogni schema ot- tenuto mediante operazioni pivotali, classiche od intere per sistemi duali, descrive i sistemi duali ottenuti e⁄ettuando su (1:48) e (1:51) operazioni pivotali, classiche od intere, su pivot nelle medesime posizioni e dove, al piø, il sistema colonna viene rappresentato attraverso un cambiamento di segno dei coe¢ cienti. Si osservi che tutte le variabili rappresentate in ogni schema concorrono nel dare informazioni sui rispettivi coe¢ cienti dei sistemi descritti dal relativo schema. In particolare le variabili poste nella ultima colonna ed ultima riga hanno un impor- tante interpretazione: corrispondono, nell ordine, alle variabili che sono in base nel rispettivo sistema descritto 9 . Ci non Ł una banalit, infatti, indicando con B (0) : =fv i g m i=1 e C (0) : =fu j g n j=1 gli insiemi ordinati delle variabili che sono inizialmente in base in S e in R allora i rispettivi vettori dei coe¢ cienti costituiscono le basi canoniche, rispettivamente, di R m e diR n . Inoltre ogni schema del tipo (1:50) rappresenta delle coppie ortogonali 9 Descritto e non rappresentato: vedere indicazione terminologica 51. 47
Estratto dalla tesi: Tableaux duali a coefficienti interi per problemi di programmazione lineare