Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Papa Francesco: la concezione del Creato e dell'essere umano nell'Enciclica "Laudato Sì"

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Religiose

Autore: Patrizia Maietta Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 117 click dal 24/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Patrizia Maietta

Mostra/Nascondi contenuto.
10 1.2 Lo stile cristiano Bergoglio vive maggiormente la sua esperienza religiosa davanti al Tabernacolo: guardare Dio, ma soprattutto sentirsi guardati da Lui. Continua a considerarsi, lui per primo, bisognoso di quella misericordia che predica e testimonia. Ha insegnato a lungo, e nel suo stile di educazione, l’incontro con la persona è un dato essenziale: quando si vuole educare soltanto con principi teorici, senza pensare che è l’importante è chi si ha di fronte, si cade in un fondamentalismo che ai giovani non serve, perché non assimilano l’insegnamento di essere accompagnati da una testimonianza di vita e prossimità. A partire da questo, offre anche un consiglio ai confessori, ai quali chiede di non essere rigoristi, né lassisti, ma misericordiosi. Dall’ Arcivescovo di Buenos Aires, gli abitanti della capitale imparano a conoscere una vera guida e ad apprezzare il futuro Papa. Veste con semplicità, si occupa personalmente dei propri impegni; quando viaggia non si separa mai dalla sua agenda, dove sono scritti a mano numeri telefonici di amici e conoscenti. E porta sempre con sé il Breviario, all’interno del quale conserva una lettera e il testamento della nonna. Alla nomina a Cardinale, Bergoglio invita i connazionali che vogliono accompagnarlo a Roma, a non farlo, offrendo invece la somma di denaro necessaria per il viaggio per le necessità dei poveri. Farà lo stesso dopo l’elezione papale. Ai sacerdoti chiede di lasciare aperta la porta, di uscire da se stessi e dai propri convincimenti se essi rischiano di chiudere l’orizzonte, che è Dio. E questo vale anche per i laici, la cui clericalizzazione deve essere considerata un errore. Bergoglio è stato così un Arcivescovo popolare, nel senso di autenticamente vicino al popolo, come dimostrano le sue Messe celebrate nei barrios popolari della capitale argentina.
Estratto dalla tesi: Papa Francesco: la concezione del Creato e dell'essere umano nell'Enciclica "Laudato Sì"