Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Chronic Care Model: un approccio assistenziale integrato

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Infermieristiche

Autore: Francesco Paglia Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 200 click dal 05/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesco Paglia

Mostra/Nascondi contenuto.
13 4. Una malattia cronica può determinare altre condizioni croniche. Per esempio il diabete può anche portare a cambiamenti neurologici e circolatori, i quali determinano alterazioni visive, cardiache, sessuali e renali. 5. La patologia cronica influenza tutta la famiglia. Non solo i familiari sono coinvolti nella gestione della condizione cronica, ma la vita familiare può essere drammaticamente alterata a causa delle variazioni di ruolo, non rispettati, di perdita di reddito, di tempo speso a gestire la malattia, di diminuzione delle attività sociali familiari e di costi dei trattamenti. Ci sono spesso tensione, stress e affaticamento familiare, specialmente fra chi dà assistenza. Gli effetti della condizione cronica sulla famiglia possono essere profondi, a volte portano i familiari a stringersi insieme, altre volte a rimanere separati. 6. Le persone affette da condizioni croniche e le loro famiglie devono assumersi una maggiore responsabilità per la gestione quotidiana della condizione. Con una condizione cronica, il centro dell’assistenza diventa la casa invece dell’ospedale. Ambienti come gli ospedali, le cliniche, gli studi medici, le case di riposo, i centri infermieristici e le agenzie comunitarie collaborano a quest’assistenza, ma il lavoro quotidiano o la gestione del regime terapeutico cade sulle spalle del paziente e della famiglia. 7. La gestione delle condizioni croniche è un processo di recupero. Alle persone può essere insegnato come gestire le loro condizioni. L’educazione sui sintomi, tuttavia, non equivale a sperimentarli. Ogni persona deve scoprire come il suo corpo reagisce in varie condizioni, per esempio, come ci si sente in caso d’ipoglicemia, quali attività si possono compiere se si ha l’angina, e come queste condizioni possono essere meglio prevenute e gestite. 8. Gestire le condizioni croniche è un processo collaborativo. Poiché i problemi medici, sociali e psicologici associati ai problemi cronici tendono a essere complessi e correlati, specialmente nelle condizioni gravi, sono richiesti sforzi collaborativi di differenti professionisti sanitari, al fine di offrire un range completo di servizi che sono spesso necessari. 9. La gestione della malattia cronica è costosa. Ogni anno, milioni di dollari sono spesi in assistenza sanitaria, inclusi ricoveri ospedalieri, acquisizione di attrezzature, farmaci e servizi di assistenza. Queste spese possono causare difficoltà finanziarie all’individuo, alla famiglia e alle finanze nazionali.
Estratto dalla tesi: Chronic Care Model: un approccio assistenziale integrato