Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dieta chetogenica e suoi risvolti nell'attività sportiva

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Carlo D'auria Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 283 click dal 10/01/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Carlo D'auria

Mostra/Nascondi contenuto.
14 concentrazioni di CP possono essere superiori fino a otto volte rispetto quelle di ATP [147]. La fosfocreatina ha una struttura molecolare somigliante all‘ATP essendo anche lei costituita da gruppi fosfato ad alta capacità energetica, quest‘ultima viene accumulata all'interno del muscolo allo stato di riposo fino a livelli di saturazione [246]; quindi la CP essendo costituita da una molecola di creatina legata ad un gruppo fosfato riesce a mantenere costante la concentrazione di ATP seguendo un semplice procedimento chiamato fosforilazione, in pratica la CP cede un gruppo fosfato all‘ADP, che a sua volta sarà riportato nella forma di ATP riproducendo la seguente reazione: ―ATP = C + P + ADP ― [8]. Tuttavia siccome l'ATP e la CP ha delle riserve limitate nel miocita, questo processo persiste per pochissimo tempo[8], è stato dimostrato che la durata di queste riserve durante un attività ad intensità massimale può arrivare ad un massimo di 30 secondi prima di esaurirsi [167]; per quanto riguarda l'attività sportiva, il metabolismo anaerobico alattacido è ravvisabile in tutte quelle attività di breve o brevissima durata con fini prestazionali dove le principali capacità richieste sono la potenza e la rapidità anziché l'endurance e la resistenza, possiamo quindi ritrovarlo in sport come il sollevamento pesi, scatti e lanci [61]. Inoltre possiamo associare questo metabolismo a determinate fibre muscolari, infatti le fibre muscolari si dividono principalmente in fibre bianche (definite fibre veloci a rapido affaticamento) e fibre rosse ( definite fibre lente a basso affaticamento), e le fibre bianche sono proprio quelle che rispecchiano per funzionalità il ruolo di questo metabolismo [61]. 2.4 Sistema anaerobico lattacido Il sistema anaerobico lattacido è un altro metabolismo che viene impiegato durante gli sport che richiedono più capacità come la forza ma anche la resistenza al tempo stesso, anche se pur essendo in grado di generare alti quantitativi di energia ha comunque dei tempi limitati ma rispetto al sistema anaerobico alattacido può superare i 10 secondi ed arrivare fino a 40-45
Estratto dalla tesi: Dieta chetogenica e suoi risvolti nell'attività sportiva