Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale, sentenze civili di separazione e divorzio

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Michele Bin Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 232 click dal 22/01/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Michele Bin

Mostra/Nascondi contenuto.
tribunali ecclesiastici per le questioni riguardanti la nullità matrimoniale 17 . A conferma della legittimità di ciò, la Corte Costituzionale sosteneva che fosse compatibile con il riconoscimento degli effetti civili del matrimonio, la devoluzione ai tribunali ecclesiastici delle cause di nullità matrimoniale 18 . Il problema che ci troviamo quindi ad affrontare riguarda il fatto che la dottrina si è divisa tra quanti sostengono che l’Accordo di Villa Madama abbia portato alla caduta della riserva di giurisdizione dei tribunali ecclesiastici e quanti all’opposto, sostengono il permanere della riserva di giurisdizione a favore degli stessi. In quest’ultimo caso vi sarebbe l’impossibilità per il giudice civile di conoscere della validità dei matrimoni concordatari, nonostante la mancanza di una espressa previsione come quella contenuta nel Concordato del ‘29 19 . La prima tesi ritiene che si possa configurare una giurisdizione concorrente, vale a dire che sia il giudice ecclesiastico che quello civile, sono competenti a giudicare della nullità del matrimonio concordatario e a pronunciare la cessazione degli effetti civili del matrimonio. Per giungere a questa conclusione sono stati analizzati diversi elementi il primo dei quali è la sentenza delle Sezioni unite della Corte di Cassazione n.1824 del 13 febbraio 1993. Con questa sentenza la Suprema Corte afferma che l’accordo di revisione non contiene nessuna disposizione dalla quale si possa desumere che la giurisdizione in ambito matrimoniale sia una prerogativa del giudice ecclesiastico. La Cassazione ha affermato quindi l’esistenza di una concorrenza di giurisdizioni all’interno delle quali far valere il criterio della prevenzione: la giurisdizione che viene adita per prima impedisce che ci si 17 A. FUCILLO – R. SANTORO, Giustizia, diritto, religioni: percorsi nel diritto ecclesiastico civile vivente, Giappichelli editore, Torino, 2014. 18 Corte Cost., sent. 12 gennaio 1982, n. 18. 19 A. FUCILLO - R. SANTORO, Giustizia, diritto, religioni. Percorsi nel diritto ecclesiastico civile vivente, Giappichelli editore, Torino, 2014. 11
Estratto dalla tesi: Sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale, sentenze civili di separazione e divorzio