Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Atrofia Corticale Posteriore: eziologia, tratti distintivi ed ipotesi riabilitative

Tesi di Master

Autore: Federica Michilli Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 94 click dal 21/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Federica Michilli

Mostra/Nascondi contenuto.
8 No PCA PCA-pure PCA-plus Yes Yes No Yes No fissazione del bersaglio risulta ben conservata. Il paziente con atassia ottica manifesta difficoltà anche nell’afferrare gli oggetti, sebbene sia in grado di riconoscerli (Rizzolatti e Matelli, 2003). Essi possono, infatti, rilevare e localizzare in modo affidabile gli stimoli visivi nel loro ambiente e produrre stime percettive affidabili della forma, della dimensione e dell'orientamento degli oggetti, contrariamente ai pazienti con lesioni ventrale e agnosia della forma visiva (Pisella et al., 2008). Infatti, nell’Atrofia Corticale Posteriore in cui la lesione interessa prevalentemente l’emisfero sinistro, può emergere una difficoltà nel riconoscimento visivo degli oggetti. Tale deficit prende il nome di agnosia visiva, principalmente di tipo appercettivo, in assenza di una significativa malattia oculare o semantica (McMonagle et al., 2006). Tuttavia, gli studi clinici falliscono nell’individuare ed analizzare delle specifiche sottoclassi della sindrome corticale posteriore ed esistono ampie sovrapposizioni tra le modalità di presentazione. Recentemente, è stato suggerito un nuovo approccio per la diagnosi di PCA (Figura 1). Pur preservando la descrizione clinica di base della sindrome di Atrofia Corticale Posteriore primaria, la nuova classificazione fornisce una soluzione su come trattare le caratteristiche atipiche, includendole in un quadro eziologico suddiviso in modo gerarchico (Crutch et al. 2017.) Figura 1 (Crutch et al. 2017, p.875) Classification Level 1: Does the patient also meet core criteria for Another neurodegenerative syndrome? Classification Level 3: Classification Level 2: Is it preferentially posterior? Fulfills PCA core clinical/cognitive features +/- supportuve evidence of predominant Occipital, parietal and/or occipitotemporal atrophy/dysfunction on brain imaging Are biomarkera available and conclusive? (solid ovals: existing biomarkers; dashed ovals: biomarkers pending) Neurodegenerative PCA-AD Is it neurodegenerative? 1. Insidious onset 2. Gradual progression 3. No other cause (e.g. tumor, vascular disease) PCA-LBD PCA-CBD PCA-Prion Other Classifiers tbc
Estratto dalla tesi: Atrofia Corticale Posteriore: eziologia, tratti distintivi ed ipotesi riabilitative