Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti Psicosociali e Girudici del Mobbing nella Pubblica Amministrazione. Analisi Comparata

Tesi di Master

Autore: Annarita Masieri Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 36 click dal 28/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Annarita Masieri

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Tale disagio, fino alla fine del diciannovesimo secolo, era dovuto all ’affaticamento fisico poi, con il fordismo-taylorismo, si è trasformato in stress da sofferenza mentale. Il disagio, la malattia professionale sono quindi stadi successivi ad una condizione di lavoro vissuta in modo negativo o svantaggioso per se stessi, l ’azienda, l ’ambiente in cui vive la persona. Tutto ciò non ha nulla a che vedere con il mobbing che è un fenomeno patologico a se stante che si sviluppa in ambiti pressanti, analoghi, secondo Pierlorenzi e Baldinelli (2006), a quelli che si realizzano in luoghi di vita coatta (carceri, ospedali, caserme) dove la vittima si sente costretta ed impotente e sempre più incapace di riprendere la gestione della propria vita e libertà. Si tratta in ogni caso di una forma di degenerazione dei rapporti interpersonali che si realizza attraverso una sorta di aggressione sistematica verso un soggetto da parte di un superiore gerarchico o dei colleghi della vittima che provocano un progressivo disadattamento lavorativo della stessa. Le manifestazioni aggressive sono tese all ’emarginazione del soggetto e si manifestano con ostilità, non comunicazione, continue critiche, diffusione di maldicenze, assegnazione di compiti dequalificanti e umilianti o, al contrario, troppo difficili da realizzare, compromissione dell ’immagine del soggetto di fronte a colleghi, superiori o terzi, continui trasferimenti d ’ufficio e anche con molestie sessuali. La definizione più classica di mobbing è quella data dal già citato Leymann, universalmente riconosciuto come il “padre del mobbing ”, nel 1996: “Il terrore psicologico sul posto di lavoro o mobbing consiste in una comunicazione ostile ed immorale diretta in maniera sistematica da uno o più individui verso un altro individuo che si viene a trovare in una posizione di mancata difesa. Le azioni ostili sono effettuate con un ’alta frequenza e per un lungo periodo di tempo. A seguito dell ’alta
Estratto dalla tesi: Aspetti Psicosociali e Girudici del Mobbing nella Pubblica Amministrazione.  Analisi Comparata