Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Democrazia Confuciana: la proposta di Jiang Qing

Laurea liv.I

Facoltà: Studi Orientali

Autore: Francesca Cauli Contatta »

Composta da 18 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28 click dal 16/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesca Cauli

Mostra/Nascondi contenuto.
8 sociale tra ricchi e poveri, tra le città ricche del sud e quelle povere del nord. Appare evidente come il governo debba elaborare delle riforme che sostengano le fasce di popolazione più povere. A tal proposito, nel 2006 per la prima volta dal 1980, in una sessione plenaria del Partito Comunista Cinese (PCC), si è discusso di materia di riforme sociali per mitigare le condizioni di vita dei lavoratori. Inoltre vi è il problema degli anziani, soprattutto quelli che vivono nelle zone rurali, costretti a vivere in solitudine e in una situazione di precarietà. Per questo il 1 luglio 2013 è stata approvata la Legge della Repubblica popolare cinese per la tutela dei diritti e degli interessi degli anziani. Questa legge fa perno sulla virtù confuciana dello xiao, che sta ad indicare la pietà filiale, ovvero la devozione e il rispetto che i giovani devono avere nei confronti degli anziani. A proposito di tale norma, Scarpari aggiunge:<< Obbiettivo della nuova normativa [...] è di sostenere con maggior enfasi il senso del dovere e gli obblighi (previsti peraltro dalla Costituzione e dalla legge sul matrimonio) nei confronti degli anziani, in primis della propria famiglia, non solo tenendo conto delle esigenze concrete, ma anche degli aspetti spirituali ed emotivi, nel tentativo di limitare così le carenze materiali e affettive e lenire il sentimento di solitudine o, in alcuni casi, di abbandono delle fasce di popolazione più deboli>> (Scarpari) Tale legge è la dimostrazione di come il governo, nonostante tutti gli sforzi compiuti nel passato per sradicare il Confucianesimo, ha ancora bisogno di esso sia per tenere coesa la società sia per tentare di risolvere i problemi di essa. Difatti all'indomani della sua approvazione, si è operata una massiccia campagna mediatica per sensibilizzare le persone in merito a tale tema. Un altro problema che la leadership di Xi deve affrontare è la crescente crisi di valori che gli strati sociali meno abbienti stanno attraversando: con le difficoltà economiche e l'atomizzazione della famiglia, ovvero nuclei familiari sempre più piccoli e mancanza di legami forti con la comunità, la società sente che viene a mancare il sistema di valori morali di riferimento. La famiglia all'interno della dottrina confuciana ricopre un ruolo molto importante: la società cinese, rispetto a quella occidentale, ha sempre puntato al benessere del gruppo piuttosto che all'interesse del singolo individuo. Per i cinesi l'uomo si realizza quando è in armonia con la comunità, ovvero estende a tutto ciò che lo circonda la virtù del ren 仁. Un esempio per chiarire meglio tale concetto è la virtù del Ren ( 仁): questa, che si può tradurre con <> ha il suo corrispettivo nei legami familiari con la virtù dello XIAO ( 孝), che sta a indicare il concetto della <>, ovvero l'amore e il rispetto che i giovani devono avere nei confronti degli anziani e il sentimento di protezione e di cura che i
Estratto dalla tesi: Democrazia Confuciana: la proposta di Jiang Qing