Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione del Gruppo Fiat dal 2000 al 2016: dalla crisi alla fusione con Chrysler

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Venturelli Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 157 click dal 16/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea Venturelli

Mostra/Nascondi contenuto.
23 Marchionne si è espresso con queste parole sull’accordo Fiat-GM: “Le alleanze onnicomprensive non funzionano perché sono l’equivalente di una vendita. Dobbiamo fare alleanze mirate. Credo fermamente che l’accordo raggiunto oggi con la GM sia giusto ed equo per entrambe le parti. Da un lato, infatti, consente la valorizzazione della put option prevista dal Master Agreement, mentre dall’altro garantisce alla Fiat tutta la necessaria libertà per sviluppare il Settore Auto. Possiamo oggi focalizzarci su Fiat Auto e dedicare tutte le nostre energie per rafforzare e razionalizzare i nostri marchi, sviluppando una rete commerciale forte e in grado di massimizzare il successo dei nostri nuovi prodotti. Il beneficio del rapporto con GM sarà mantenuto attraverso un accordo di fornitura a lungo termine ed altre forme di cooperazione come la partecipazione di Fiat nell' alleanza acquisti con GM''. 21 Il Gruppo, in seguito alla risoluzione dell’accordo stipulato nel 2000 con GM, riacquista il controllo di Fiat Powertrain Technologies (FPT), azienda che dal 2006 raggrupperà anche le attività di Iveco, Centro Ricerche Fiat e Elasis nel campo dei motori e dei cambi. Nel 2006 la ristrutturazione vissuta dalla Fiat è stata accompagnata da un consistente programma di rinnovamento e miglioramento della gamma dei prodotti. Il piano di rilancio ha comportato anche una sempre maggiore internazionalizzazione del Gruppo, con un aumento del numero degli accordi internazionali stretti nel 2006, rispetto agli anni precedenti. Il Gruppo ha puntato soprattutto a rafforzare la propria presenza in due mercati in forte espansione: la Russia e la Cina, stringendo accordi commerciali e industriali rispettivamente con Severstal Auto (casa automobilistica russa) e Tata Motors (la più importante casa automobilistica indiana). 22 Il 2007 ha rappresentato, per il gruppo Fiat, l’ultimo anno del piano di turnaround industriale presentato nel 2004. 23 21 fonte: http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2005/02_Febbraio/13/fiat.shtml (pubblicazione in data 14 febbraio 2005) 22 fonte: Relazione sulla Gestione Gruppo Fiat, anno 2006 23 fonte: http://www.investopedia.com/terms/t/turnaround.asp: il turnaround è il risanamento finanziario di un’impresa che ha avuto performance negative per un periodo di tempo prolungato. Il turnaround rappresenta quindi il momento in cui si ottiene un reversal della situazione.
Estratto dalla tesi: L'evoluzione del Gruppo Fiat dal 2000 al 2016: dalla crisi alla fusione con Chrysler