Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un presunto errore d'archetipo nel testo del Novellino

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Ruocco Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 68 click dal 27/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Chiara Ruocco

Mostra/Nascondi contenuto.
13 24 Come si vedrà più avanti, sia in Valerio Massimo che nel Novellino il protagonista è colto dagli ambasciatori mentre è impegnato in una modesta attività. 25 Per spiegare le differenze tra le versioni attestate, Besthorn ipotizza delle fonti intermedie, per cui risulterebbero i seguenti passaggi: Valerio Massimo, circolazione orale dell’episodio, Novellino , fonte intermedia, novella 141. 26 Con questo non si vuol dire che il particolare è assolutamente indipendente dalle fonti antiche e da Valerio Massimo. Anzi Socrate che coglie erbette potrebbe essere una reminiscenza di Diogene che lava erbette in Valerio Massimo, IV III, ext. III. 27 Si noti l’uso del discorso diretto in questo punto cruciale della narrazione, che come si vedrà più avanti riveste nel Novellino una particolare importanza stilistica. la nove lla L XI/30 e Va le rio Ma ssimo ha nno un pa rtic ola re in c omune 24 c he la nove lla 141 tra la sc ia , me ntre la nove lla 141 pre se nta de lle a ggiunte signific a tive , in pa rtic ola re a ll’iniz io (de sc riz ione de l R e di Fra nc ia ) e d a lla fine (c onside ra z ioni sulla de c a de nz a de i R oma ni) 25 . Posto c he le due ve rsioni dipe ndono l’una da ll’a ltra , dive rsa me nte da B e sthorn è possibile rite ne re c he sia sta to l’a utore de l N ov e llino a rie la bora re la nove lla 141 e non vic e ve rsa ; la L XI/30 infa tti se mbra un a bile rifa c ime nto de lla nove lla 141. Inna nz i tutto la ma ggior somiglia nz a de lla L XI/30 a lle fonti a ntic he se mbra e sse re de l tutto illusoria . Il de tta glio c he se c ondo B e sthorn a c c omuna Va le rio Ma ssimo e il N ov e llino è c he in e ntra mbi gli a mba sc ia tori trova no il prota gonista impe gna to in una mode sta a ttività : Ma nio è c olto me ntre ma ngia in una c iotola di le gno, se duto vic ino a l fuoc o su di un rustic o sga be llo, Soc ra te inve c e me ntre c oglie e rbe tte (la 141 inve c e e splic ita c he Se ne c a e ra pove ro in qua nto pe nsa va a l be ne de i suoi c itta dini e non a sé ). A pa rte la dive rsità de lla situa z ione in c ui ve ngono c olti i prota gonisti, la sc e lta de ll’a utore de l N ov e llino di ra ppre se nta re Soc ra te in una c ornic e dime ssa se mbra e sse re a utonoma da lle fonti a ntic he 26 , de tta ta da ra gioni inte rne a l ra c c onto e , c ome si ve drà , a lla ra c c olta origina ria . Infa tti l’a spe tto mode sto de lla c a sa , de gli a tte ggia me nti e de lla pe rsona di Soc ra te c olpisc e gli a mba sc ia tori, i qua li si c onsulta no tra loro (pa rtic ola re a sse nte sia ne lle fonti c he ne lla 141) e a ffe rma no:« -Di c ostui a ve re mo gra nde me rc a to -» 27 . E ssi a que sto punto c re dono c he il filosofo sia fa c ilme nte c orruttibile e c he potra nno fa c ilme nte ra ggiunge re lo sc opo pe r c ui sono ve nuti usa ndo il de na ro.
Estratto dalla tesi: Un presunto errore d'archetipo nel testo del Novellino