Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di distribuzione e marketing di Mamma Roma

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Fabrizio Sani Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 133 click dal 03/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Fabrizio Sani

Mostra/Nascondi contenuto.
11 l’impeto del momento, la stessa povertà ma non è la stessa “responsabilità”. Mamma Roma è diversa da Accattone perché porta in suo figlio tutto il suo dolore, le sue rivendicazioni e ambizioni e anche le sue colpe. “L’accattone” era completamente solo, diversamente in Mamma Roma è presente la responsabilità morale di una madre, le scelte che non portano solo a un’isolata autodistruzione. Dalla responsabilità individuale si è passati alla responsabilità collettiva 21 , perché la responsabilità che ha Mamma Roma verso la società (crescere dignitosamente questo ragazzo – e ci prova in tutti i modi) è anche la responsabilità che ha la società verso suo figlio. Per la Magnani, Pasolini ha creato un personaggio completamente inedito, a differenza dell’accattone sputato fuori dalla sua narrativa; inedito, ma visceralmente autobiografico, «Per questo devo dire ciò che è orrendo conoscere: / è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia» confessava Pasolini in Supplica a mia mare 22 , difatti il sentimento filiale di Pasolini per sua madre (Susanna Colussi) è stato sempre intensissimo, rafforzato nell’adolescenza quando il padre fu trattenuto in un campo di prigionia in Africa e il fratello ucciso durante l’eccidio di Porzus. L’amore per la donna è stato il primo vero amore del poeta, nonché l’unico: è «insostituibile» e per questo «è dannata alla solitudine la vita che mi hai data». Nonostante l’angoscia del poeta «nasca dalla grazia della madre», egli non può in alcun modo odiarla, poiché in ella riscontra la sua «anima» 23 . In uno scritto a macchina, trovato postumo fra le sue carte, aveva esposto significativamente: 21 N. FERRERO, Mamma Roma, ovvero dalla responsabilità individuale alla responsabilità collettiva, in «Filmcritica», a XIII, n° 125, pp.. 440 – 450. 22 P.P. PASOLINI, Supplica a mia madre, in Poesia in forma di rosa, Garzanti, Milano 1964. 23 Ibidem.
Estratto dalla tesi: Strategie di distribuzione e marketing di Mamma Roma