Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

In viaggio tra realtà e rete internet. Verso un'educazione responsabile dell'utilizzo di Internet ai “minori stranieri non accompagnati”

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Serena Leali Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 48 click dal 09/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Serena Leali

Mostra/Nascondi contenuto.
7 descritti con le statistiche fornite dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Quest’ultimo si occupa di registrare la presenza dei ragazzi migranti nei centri d’accoglienza, indagando sulla loro età, genere e Paese d’origine. Tuttavia anche i dati ricavati da questa fonte non sono completamente esaustivi poiché non tutte le autorità competenti segnalano la presenza di giovani migranti non accompagnati o il loro improvviso allontanamento 12 . 1.3.1. Gli approdi sulle coste italiane Dai dati forniti dal Ministero dell’Interno si nota un incremento negli anni di giovani non accompagnati sbarcati sulle coste italiane, per questo è necessario presentare una visione del fenomeno in maniera longitudinale e non semplicemente un fermo immagine dell’ultimo periodo. Partendo dal 2011, anno delle Primavere arabe che sconvolsero gli equilibri delle società in molti Paesi del Nord Africa, si nota un flusso crescente di persone verso l’Europa e in particolare verso l’Italia, flusso che venne definito dal Governo italiano come “l’Emergenza Nord Africa” con l’arrivo di circa 62.000 persone 13 . Proseguendo negli anni, fino a fine dicembre 2016, i dati oscillano in base alle circostanze dei Paesi e regioni di provenienza, ad esempio nel 2014 si nota un incremento segnato dall’allargamento del conflitto in Siria e negli ultimissimi anni il peggioramento delle condizioni di molti Paesi dell’Africa occidentale 14 . Negli anni presi in considerazione, tra l’1 gennaio 2011 e il 31 dicembre 2016, i giovani giunti in Italia sono stati 85.937, di cui non accompagnati ben il 72%, ossia tre ragazzi su quattro hanno affrontato il lungo viaggio da soli 15 . Osservando il grafico in basso relativo agli sbarchi sulle coste italiane dei giovani migranti, si nota come tra il 2011 e il 2015 i giovani stranieri che hanno viaggiato da soli sono triplicati, da 4.209 a 12.360. Una crescita esponenziale che rispecchia l’aumento complessivo del flusso migratorio 16 . È nell’anno 2016, invece, che si nota un incremento notevole con l’arrivo di 25.846 giovani migranti non accompagnati, un dato quasi doppio rispetto al 2015, 12 Ibidem. 13 Idem, p.27 14 Ibidem. 15 Ibidem. 16 Idem, p.29.
Estratto dalla tesi: In viaggio tra realtà e rete internet. Verso un'educazione responsabile dell'utilizzo di Internet ai “minori stranieri non accompagnati”