Skip to content

Icefish, i pesci che persero i globuli rossi

Estratto della Tesi di Maria Ludovica Toraldo Serra

Mostra/Nascondi contenuto.
10 I Pesci-ghiaccio I Pesci-ghiaccio appartengono alla Sottoclasse degli Attinopterigi, superordine Teleostei, Ordine dei Perciformi, sottordine Nototenioidei 4 , Famiglia dei Cannictidi (Channichithydae). Si tratta di organismi prevalentemente bentonici, privi di vescica natatoria, pecilo-ectotermici, fortemente stenotermi, in grado di sopravvivere per tutto l’anno a una temperatura ambientale compresa tra -2,2/-1,8°C e +1°C. A causa della costanza delle temperature alle quali i Cannictidi si sono adattati, essi non sono in grado di sopportare variazioni anche minime di tale parametro; infatti, una conseguenza di quest’adattamento è stata l’incapacità di esprimere le proteine da shock termico, o heat shock protein 5 , o HSP, e quindi di reagire allo shock da calore. La capacità degli Icefish di sopportare temperature proibitive quali quelle proprie dell’Antartide sarebbe impossibile senza la produzione di glicoproteine antigelo (Anti Freeze protein o AFP), che, legandosi ai nuclei di ghiaccio in corso di formazione nei fluidi corporei, creano fronti di restrizione in grado di limitarne l’accrescimento, prevenendo così il congelamento dell’animale (Cheng e De Vries, 1991; Fletcher et al., 2001; Figura 4). Dati basati sull’analisi degli acidi nucleici e in particolare dell’mRNA indicano il Pancreas e lo stomaco anteriore come i principali produttori di queste glicoproteine (Cheng e Detrich, 2007). Le AFP sono riversate nel lume intestinale dal dotto pancreatico per essere in parte assorbite dal sistema circolatorio che le distribuisce a tutti i tessuti. La permanenza nel sangue delle proteine anticongelanti è garantita dai caratteristici reni aglomerulari (pag. 43). Sebbene le proteine anticongelanti dei Cannictidi siano fondamentali per evitare il congelamento dei fluidi corporei, esse non sono l’unico fattore responsabile di ciò: infatti, la capacità anticongelante di questi pesci risiede in parte anche in una pressione osmotica del sangue leggermente superiore alla norma (circa 500-600mOsm rispetto 400mOsm dei pesci a sangue rosso). 4 I Nototenioidei sono uno dei 18 sottordini dell’Ordine dei Perciformi e includono specie antartiche (circa il 90% della fauna ittica endemica) e sub-antartiche, sia bentoniche sia demersali. Essi comprendono attualmente 8 famiglie, 43 generi e 122 specie. Sei di tali famiglie si trovano a Sud dell’FPA. È probabile che i Nototenioidei antartici derivino da qualche antenato bentonico, privo di vescica natatoria, appartenente alla fauna ittica degli habitat temperati della piattaforma continentale prima del raffreddamento dell’Oceano meridionale, che portò a una speciazione endemica in un tempo relativamente breve rendendoli forme di vita dominanti della moderna fauna ittica (Eastman, 1993; Kock, 2005a, b). 5 Le HSP sono chiamate così poiché rilevate durante studi di denaturazione delle proteine mediante calore. Esse sono prodotte in risposta a shock termico al fine di contrastare l'effetto denaturante del calore e sono implicate nel corretto folding di proteine che necessitano di “aiuto” per mantenere una conformazione funzionale o “nativa”.
Estratto dalla tesi: Icefish, i pesci che persero i globuli rossi

Estratto dalla tesi:

Icefish, i pesci che persero i globuli rossi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Ludovica Toraldo Serra
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: UNICAL
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Biodiversità e Sistemi naturali
  Relatore: Filippo  Garofalo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biodiversità
ossido nitrico
icefish
pesci ghiaccio
chionodraco
thunnus albacares

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi