Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un dialetto algerino. L'arabo dialettale di Tlemcen

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rita Algranati Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18 click dal 25/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Rita Algranati

Mostra/Nascondi contenuto.
tradizione arabo-musulmana, per arrivare fino all'epoca coloniale, anche perché sarà proprio a causa della sua nomina a direttore della Madrasa di Tlemcen, che l'autore dello studio alla base di questa Tesi si recherà in Algeria e, anche grazie a queste sue funzioni, gli fu data la possibilità di raccogliere le testimonianze del suo libro. Nel IV Capitolo saranno raccolte delle note biografie sull'autore del libro, William Marçais, alle quali abbiamo voluto aggiungere alcune riflessioni che contestualizzassero la sua opera, innanzitutto dal punto di vista linguistico, mettendo in evidenza gli aspetti precursori sia del suo uso della grafia vocalizzata, che del suo metodo rigorosamente scientifico, cosi come delle sue tecniche precise e meticolose nella raccolta e registrazione delle testimonianze. Anche da un punto di vista più generale, riteniamo sia utile contestualizzare l'opera di W. Marçais, diciamo storicamente, per ben comprendere ed inquadrare alcune sue posizioni all'interno degli studi sui dialetti arabo- magrebini, all'interno dei quali il suo lavoro, resta sicuramente uno dei più validi contributi. Nel Capitolo V che rappresenta il corpus della tesi, realizziamo una trascrizione vocalizzata del testo, alla luce della trascrizione in caratteri latini di Marçais. Si tratta, quindi, di una scelta abbastanza soggettiva, dal momento che deve necessariamente obbedire a dei criteri fonologici di oggi, ma allo stesso tempo non è resa difficile dal fatto che W. Marçais, pur non disponendo delle categorie fonologiche attuali, aveva utilizzato una sua trascrizione che riesce ad evidenziare la vocalizzazione del testo e più in generale rende la realizzazione fonetica di tutta una serie di fonemi, che solo in seguito verranno definiti allofoni di origine dialettale, da lui registrati nella parlata di Tlemcen. Le note di ordine linguistico che puntualizzano il testo non hanno la pretesa di essere completamente esaustive, l'intento è quello di riconoscere nella parole del brano analizzato, alcuni caratteri essenziali del dialetto arabo di 11
Estratto dalla tesi: Un dialetto algerino. L'arabo dialettale di Tlemcen