Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La bioenergetica e il teatro. L'importanza del corpo nella relazione d'aiuto

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matilde Tropea Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 33 click dal 30/05/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Matilde Tropea

Mostra/Nascondi contenuto.
11 questo le discipline yogico-tantriche mirano alla riattivazione di questi centri per tornare in armonia. Nel modello Taoista le due parti femminile e maschile prendono il nome di Yin e Yang: negativo e positivo. In questo senso l’unità dell’essere emerge dalla diversità, dalla polarità. L’aspetto importante di questa cultura è partire dal senso di unità di sé. Questa percezione di unità si vive con il corpo: il corpo è aperto, luminoso, giocoso, tutte le cellule del corpo trasmettono una sensazione di piacere generale, il corpo è illuminato da questa grande energia. L’energia vitale del Taoismo è C’i: energia intelligente che irradia tutto ed è strettamente legata al respiro. Nel corpo l’energia continua a girare su se stessa, pulsa, respira, è viva e quando è cosciente e armonica comincia a generare luce. Infatti nelle discipline come il Tai C’i e Qi Gong che mirano ad equilibrare questa energia per farla fluire correttamente, i movimenti sono circolari come il respiro. L’individuo tramite la meditazione può arrivare a conoscere il Tao che rappresenta il tutto, l’unità dell’essere e per fare questo bisogna essere proiettati dentro di noi e non verso l’esterno come spesso accade. Nello schema Taoista i centri energetici contemplati sono tre detti Tan-Tien così suddivisi: superiore localizzato al centro della testa, è la coscienza primordiale, il sé (lo Yang) ; intermedio che sta all’altezza del cuore, è la dimora dell’essere; inferiore che si trova nell’addome dove risiedono la vita e l’eros, l’anima inconscia e oscura (Yin). I tre Tan-Tien rappresentano i centri energetici più profondi che possono modificare profondamente la salute psicofisica e la crescita della consapevolezza e della spiritualità che porta alla realizzazione. Dopo aver introdotto il paragrafo citando in maniera riassuntiva alcune delle tante discipline orientali che affondano il loro pensiero nel binomio corpo- mente come due entità strettamente legate e comunicanti, possiamo cominciare ad approfondire il pensiero di Alexander Lowen a proposito di Bioenergetica. Il termine stesso bioenergetica, racchiude già nell’ etimologia il fulcro fondamentale della terapia loweniana. Questa bioenergia è implicata in tutti i
Estratto dalla tesi: La bioenergetica e il teatro. L'importanza del corpo nella relazione d'aiuto