Skip to content

Damnatio ad metalla

Estratto della Tesi di Federica Rizzello

Mostra/Nascondi contenuto.
18 imperantibus…” 21 che considera il lavoro in miniera come punizione da infliggere agli schiavi. Svetonio, “…multos honesti ordinis deformatos prius stigmatum notis ad metalla et munitiones viarum aut ad bestias condemnavit” 22 attribuisce a Caligola la responsabilità di aver condannato al lavoro in miniera molti esponenti di gruppi sociali elevati meritevoli di diverso trattamento. Cipriano descrive in maniera cruda e forte le condizioni dei damnati. Lucrezio 23 e Lucano 24 si soffermano nel descrivere il pallore causato dalle esalazioni velenose che i lavoratori respiravano. Il tema della condanna ad metalla marca lo stato di dura precarietà nel quale trascorrono la loro esistenza quanti lavorano nelle miniere. Il termine venne ripreso con sfumature diverse anche da Lucrezio e da Virgilio “...fluit aes rivis aurique metallum vulnificisque chalybs vasta fornace liquescit…” 25 con il significato di oro e argento; Stazio invece faceva riferimento al marmo: “...huius ianua prosperumque limen arcus, belligeris 21 Saggio di Stefania Dore: La damnatio ad metalla degli antichi cristiani: miniere o cave di pietra, p. 78 Tacito vv. 31 22 Saggio di Stefania Dore: La damnatio ad metalla degli antichi cristiani: miniere o cave di pietra, p. 78 Svetonio, Caligola v3. 23 Lucrezio, De Rerum Natura, vol. 6, p.806-815; nonne vides etiam quoque sulpur in ipsa gignier et taetro concrescere odore bitumen, denique ubi argenti venas aurique secuntur, terrai penitusscrutantes abdita ferro, qualis expiret Scaptensula subter odores? Quive mali fit ut exalent aurata metalla! Quas hominum reddunt facies qualisque colores!, qui il Poeta si riferisce alle miniere d’oro della Tracia, Scapte Hyle, le cui esalazioni velenose danneggiano i minatori, come è evidente dal loro colorito. 24 Parsalia di Lucano vol.4 p.292.336, non se tam penitus, tam longe luce relicta merserit Asturii scrutator pallidus auri; oltre alla descrizione del colorito, Lucano definisce coloro che scavano con le mani il suolo fino alla profondità impensabile, impigri, per il loro impegno indefesso nella ricerca dell’oro. 25 Saggio di Stefania Dore, La damnatio ad metalla degli antichi cristiani: miniere o cave di pietra, Virgilio, Eneide, pp. 445 ss.
Estratto dalla tesi: Damnatio ad metalla

Estratto dalla tesi:

Damnatio ad metalla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Rizzello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Marina  Frunzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
sicurezza sul lavoro
excursus storico
storia vera
la concezione del lavoro in miniera ieri e oggi
problematiche sociali
crisi esistenziali del minatore
condanna ai lavori forzati
curiosità
belgio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi