Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo e terremoto: analisi degli impatti sismici sui flussi turistici a Castelluccio di Norcia. Proposte per la ripartenza e la riqualificazione del settore.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Deborah Caponecchi Contatta »

Composta da 262 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 32 click dal 13/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Deborah Caponecchi

Mostra/Nascondi contenuto.
16 Altre specie endemiche del Monte Vettore sono i rari coleotteri: Chysochloa sibylla. 33 3. Excursus storico: dall’economia agricola all’economia turistica Sebbene non esistano fonti storiche che permettano di conoscere la storia di questo borgo prima del XIII secolo, non è da escludere che il territorio sul quale sorge il paese fosse già abitato in precedenza. 34 Oltre al fatto che Castelluccio è geograficamente ubicato sugli Appennini dove, a partire dal Bronzo Medio, si sviluppò la cosiddetta cultura appenninica, basata prevalentemente sul pastoralismo; 35 non si può dimenticare che questo stesso territorio fece capo alla civiltà Sabina, anche questa dedita ad una vita campestre. 36 I. Lo Statuto nursino del 1275 Come già anticipato, l’esistenza del villaggio può essere accertata soltanto a partire dal 1275 37 , quando il comune di Norcia diffonde un documento con il quale offre in concessione «tutta la superficie comunale compresa tra il colle di Castelluccio e la Forca di Gualdo agli abitanti vecchi e nuovi del semidiruto Castello dei Senàri» 38 . 39 L’importanza di questo documento non deriva dal solo fatto che esso costituisce la prima fonte storica nota di Castelluccio di Norcia: esso è altrettanto rilevante in quanto sancisce, in primis, la presenza di un insediamento di epoca precedente; e, secondariamente, perché illustra il peso 33 R. Cordella e P. Lollini, Castelluccio di Norcia il tetto dell’Umbria, Castelluccio di Norcia, Parrocchia di S. Maria Assunta Editore, 1988, pp. 35 – 43. 34 ivi, p. 69. 35 http://www.treccani.it/enciclopedia/civilta-appenninica_(Enciclopedia-dell'-Arte-Antica)/ 36 www.vetustanursia.it/la-storia-di-norcia/norcia-sabina/ 37 R. Cordella e P. Lollini, Castelluccio di Norcia il tetto dell’Umbria, Castelluccio di Norcia, Parrocchia di S. Maria Assunta Editore, 1988, p. 74. Alcuni, come gli stessi autori di questo libro, sostengono che il documento risalga al 1276. 38 Ivi, p. 72. Primo toponimo noto del paese. La parola Senàri, dal longobardo Senàita, poteva significare o una particolare attività svolta dalla popolazione locale (asinarii) o una funzione strategica di «guardiani e custodi dei confini e dei pascoli come lascerebbe suppore la radice Senàita». 39 Ivi, p. 74.
Estratto dalla tesi: Turismo e terremoto: analisi degli impatti sismici sui flussi turistici a Castelluccio di Norcia. Proposte per la ripartenza e la riqualificazione del settore.