Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La prevenzione e la repressione penale della tratta di esseri umani: gli strumenti internazionali e le misure adottate nella legislazione italiana e nepalese

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giorgia Airoldi Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 40 click dal 06/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giorgia Airoldi

Mostra/Nascondi contenuto.
12 • diritto alla salute 26 • diritto alla libertà di movimento 27 • diritto alla privacy e alla protezione della vita famigliare 28 • diritto alla protezione dei dati personali 29 • diritto di non discriminazione, uguaglianza di fonte alla legge e eguale protezione 30 • diritto a una giustizia effettiva 31 26 Art. 12 della Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali prevede che gli Stati parte del suddetto Patto debbano riconoscere il diritto di ogni individuo a godere delle migliori condizioni di salute fisiche e mentali che sia in grado di conseguire; nello stesso senso si esprimono: art. 5 della Convenzione europea contro ogni forma di discriminazione razziale; art. 14 della CEDAW; art. 24 e 39 della Convenzione sui diritti dell’infanzia; art. 28 della Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie. 27 Sancito all’art. 45 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea con riguardo al territorio degli Stati membri; nonché negli artt: art. 12 del Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici; art. 15(4) CEDAW; art. 5 della Convenzione europea contro ogni forma di discriminazione razziale; art. 8 della Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie. 28 L’art. 7 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea sancisce il diritto al rispetto della propria sfera privata e familiare, del proprio domicilio e delle proprie comunicazioni. L’art. 8 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, prevede il medesimo diritto ammettendo che, per ragioni di pubblico interesse, possa subire ingerenze da parte dell’autorità pubblica; nello stesso senso: art. 17 del Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici; art. 9 e 10 della Convenzione sui diritti dell’infanzia; art. 14 della Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie. 29 L ’art. 8 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea garantisce la protezione dei dati di carattere personale, salvo la facoltà di utilizzarli per una finalità determinata e con il consenso dell’interessato, nonché sulla base di altro fondamento previsto dalla legge. 30 Gli artt. 20 e 21 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea sancisce il principio di uguaglianza e di non discriminazione, per ragioni basate su razza, sesso, orientamento religioso, eccetera; tale diritto è espresso negli stessi termini all’ art. 14 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo; previsto inoltre dalle seguenti fonti: artt. 2, 14 e 26 del Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici; artt. 2 e 3 del Patto internazionale sui diritti civili e politici; art. 2 CEDAW; art. 2 della Convenzione sui diritti dell’infanzia; Artt. 2 e 5 della Convenzione europea contro ogni forma di discriminazione razziale; artt. 1 e 24 della Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie. 31 L ’art. 13 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, sancisce il diritto a un ricorso effettivo in capo al soggetto i cui diritti sanciti dalla Convenzione siano stati violati, anche se la violazione è avvenuta da parte di organi pubblici; previsto altresì da: art. 47 dell Carta dell’UE, art. 2 del Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici; art. 6 della Convenzione europea contro ogni forma di discriminazione razziale.
Estratto dalla tesi: La prevenzione e la repressione penale della tratta di esseri umani: gli strumenti internazionali e le misure adottate nella legislazione italiana e nepalese